Home » prima pagina » La guerra di Piero: basta porgere l’altra guancia. E Chiara presenta due nuovi assessori
"Il nostro programma ha 50 pagine dove sono elencate le azioni concrete che abbiamo progettato e che intendiamo mettere in pratica"

La guerra di Piero: basta porgere l’altra guancia. E Chiara presenta due nuovi assessori

di ilTorinese pubblicato mercoledì 8 giugno 2016

fassino 33Il sindaco uscente, dopo la botta presa al primo turno, con quegli 11 punti in più che al ballottaggio rischiano di sciogliersi come neve al sole, lo aveva detto: basta understatement, ora si gioca duro, o vinco io o vince lei. “Il programma dei 5 stelle lo abbiamo letto, e abbiamo notato quanto sia ricco di immagini e di suggestioni grafiche. Quel che fa la differenza tra noi e Chiara Appendino è la concretezza di contenuti verificabili”, ha detto Fassino, spiegando quello che ritiene il “vuoto di programma” della sua sfidante pentastellata. “Il nostro programma ha  50 pagine dove  sono elencate le azioni concrete che abbiamo progettato e che intendiamo mettere in pratica- aggiunge Fassino –  A cominciare dai venti grandi progetti di trasformazione di tutta la città come Cavallerizza, Torino Esposizioni, Manifattura Tabacchi, i 25 milioni di euro su Metro 2 e prolungamento della Linea 1, il passante ferroviario fino a Corso Grosseto”.

Intanto la candidata di M5S presenta altri due assessori in pectore della sua Giunta in caso di vittoria:appendino2

Alberto SACCO: Autorizzazioni amministrative e ordinanze sanitarie di competenza del Comune, Formazione professionale, Politiche attive del lavoro, Promozione e Occupazione giovanile e femminile, Materie relative al commercio, all’industria, all’agricoltura, all’artigianato e ai mercati, Piano per il commercio, Sportello unico per le imprese, Eventi cittadini di promozione economica settoriale e Turismo, Approvvigionamento ed economato, Contratti ed Appalti, Avvocatura comunale, Affari legali, Materie relative al D.Lgs. 81/2008 e sua attuazione in ambito comunale e nei rapporti con gli Enti competenti e interessati.

Marco GIUSTA: Politiche Giovanili, Politiche delle Pari Opportunità, Piani dei tempi e orari della Città, Coordinamento Politiche per la multiculturalità e per l’integrazione dei nuovi cittadini, Politiche a sostegno di Torino Città Universitaria.

“Nella mia esperienza lavorativa ho avuto l’occasione di costruire rapporti professionali sia con le associazioni di categoria sia con le imprese. Come avvocato e consulente mi sono occupato di seguire sia aziende internazionali che vogliono investire a Torino che quelle impegnate nella gestione di alcune attività di pubblico esercizio. Mi sono reso conto quanto sia improntante un dialogo costante e costruttivo con la Pubblica Amministrazione.  Ci batteremo anche a livello nazionale affinché la direttiva Bolkenstein non venga applicata agli operatori. In ogni caso ci batteremo almeno per avere un anno di proroga. Abbiamo due proposte concrete per rilanciare i PAL CIVICmercati: l’applicazione della tariffa giornaliera e l’avvio della sperimentazione per cercare di diminuire la TARI. Per noi il mercato è il cuore della vita sociale e anche per questo ci batteremo per bloccare la costruzione di nuovi grandi centri commerciali.” ha dichiarato Alberto Sacco.

“Sentirsi parte di una comunità, ridurre gli stereotipi e le discriminazioni valorizzando le differenze, rompere il soffitto di cristallo, acquisire un linguaggio inclusivo, delegittimare omofobia, bifobia, transfobia e xenofobia, riconoscere e includere i bisogni e le aspirazioni delle persone anziane, progettare percorsi di integrazione per le prime e le seconde generazioni di migranti sviluppando un’ottica di genere, tutelare e sostenere tutte le famiglie, tendere verso la piena inclusione della diversabilità, aprire opportunità ai giovani rendendoli protagonisti non di un ipotetico futuro ma di un concreto presente, sviluppare il portato e l’esperienza delle associazioni e dei luoghi di aggregazione multiculturale,  Nel corso della mia esperienza come attivista per i diritti civili ho potuto incontrare, conoscere e collaborare con realtà eccezionali che fanno una lavoro straordinario sul territorio, che devono essere sostenute dalle istituzioni e i cui valori ed esperienze possono essere messe a fattor comune” ha detto Marco Giusta.

(foto: il Torinese)