Home » prima pagina » La Corte dei Conti: “criticità” da correggere nei bilanci comunali dell’era Fassino
La relazione dei giudici contabili è stata consegnata alla conferenza dei Capigruppo di Palazzo Civico

La Corte dei Conti: “criticità” da correggere nei bilanci comunali dell’era Fassino

di ilTorinese pubblicato venerdì 3 febbraio 2017

municipio comuneCi sarebbero alcune “criticità” nel rendiconto del Comune di Torino dell’anno 2014, con la giunta di centrosinistra di Piero Fassino in carica. Lo afferma la Corte dei Conti, evidenziando che una loro mancata correzione  potrebbe “causare nel tempo una gestione non economica delle risorse ovvero situazione di squilibrio”. La  relazione dei giudici contabili è stata consegnata  alla conferenza dei Capigruppo. Non perde l’occasione l’assessore comune palazzo civicocomunale al Bilancio, Sergio Rolando, il quale sostiene di essere fin dall’inizio della nuov amministrazione al lavoro per sistemare i “danni” fatti prima dell’era pentastellare. Nelle 37 pagine della relazione della Corte dei Conti si punta il dito in particolare sulla mancata restituzione dell’anticipazione di cassa a fine anno per oltre il 5% delle entrate correnti  e sul volume dei residui passivi del titolo I superiori al 40% degli impegni della medesima spesa”. Per i giudici contabili sarebbe inadeguato anche il piano di razionalizzazione delle società partecipate. Sotto osservazione, poi, anche i fassino appendino2mutui sottoscritti da Gtt e Infrato per acquistare le motrici della linea tramviaria 4 e per la metropolitana. Secondo Rolando la Corte dei Conti confermerebbe, scrive l’Ansa “quanto la nostra amministrazione sostiene dal giorno del suo insediamento. Il bilancio previsionale che stiamo preparando dovrà quindi  tenere conto di questi rilievi, che sulle casse comunali incideranno per il 2017 per più di 40 milioni di euro aggiuntivi sulla spesa corrente”.