Home » prima pagina » La Caritas entra in campagna elettorale: “Non strumentalizzate i poveri, trovate soluzioni”
DOPO IL FACCIA A FACCIA IN TV DOVE FASSINO AVEVA SMENTITO IL DATO DI 100 MILA PERSONE IN DIFFICOLTA' A TORINO

La Caritas entra in campagna elettorale: “Non strumentalizzate i poveri, trovate soluzioni”

di ilTorinese pubblicato sabato 11 giugno 2016

Dopo lo scontro sui poveri durante il faccia a faccia televisivo  tra Fassino eclochard 63 Appendino  la Caritas di Torino interviene  deplorando ” ogni strumentalizzazione a fini di polemica politica sul tema dei poveri nella nostra città e nel territorio dell’area metropolitana torinese. Ci troviamo di fronte a persone che soffrono e che vanno rispettate e amate  così come cercano di fare i molti volontari che li seguono”. clochard imbrunireFassino su Sky tg 24 aveva sementito  il conduttore che aveva parlato di 100mila poveri sotto la Mole, ” cifra inventata”, secondo il sindaco uscente. Per Appendino il problema “non deve essere nascosto”. Ma, dice la Caritas, “è fuori luogo ogni utilizzo strumentale della questione”, e  invita i candidati a trovare  “le strade percorribili per incrementare la presa in carico di questi fratelli”. Nel pomeriggio l’ufficio stampa di Chiara Appendino dirama un comunicato:  “Ha ragione la Caritas a esortare i candidati a non fare un uso strumentale dei poveri ma a trattarli con rispetto occupandosene direttamente. È quello che intendo fare, con risorse e promuovendo sinergie con tutti gli attori sociali che lavorano da anni su questo problema. Tra i nostri provvedimenti che attueremo ci sarà subito l’istituzione di un fondo da 5 milioni di euro per inserire i giovani nelle PMI, il finanziamento e il potenziamento dei cantieri di lavoro, la firma di un accordo con tutti i sindacati e le associazioni datoriali per applicare negli appalti comunali e delle società partecipate almeno i minimi salariali e tutelare i lavoratori per non creare poveri da lavoro. Abbiamo anche proposto la revisione dell’ISEE e delle tariffe per i servizi e, soprattutto, una riorganizzazione del welfare costruendolo sulla base di un modello orizzontale”. 

(Foto: il Torinese)