Home » Sport » La Juventus espugna il Ferraris e attende il Real
SAMPDORIA JUVENTUS 0-1

La Juventus espugna il Ferraris e attende il Real

di ilTorinese pubblicato lunedì 4 maggio 2015

logo-juventusCon rete di Vidal  la Vecchia Signora si laurea Campione d’Italia per la 33a volta sul campo mentre per gli almanacchi è il titolo numero 31. Ha conquistato il titolo con quattro giornate di anticipo rispetto alla conclusione del campionato. La festa scudetto è durata poco sia in campo che negli spogliatoi in vista dell’importantissimo match di martedì prossimo allo Stadium contro il Real Madrid di Carlo Ancelotti e Cristiano Ronaldo

L’arbitro Valeri pone termine all’incontro alle ore 19.49, giocatori e dirigenti bianconeri corrono in mezzo al campo, abbracciandosi, esultando, lanciando il proprio allenatore per aria, Massimiliano Allegri, vincitore del suo secondo scudetto dopo aver vinto il primo con il Milan. La Juventus iscrive, per gli almanacchi e albi ufficiali, il suo nome a fianco dello scudetto numero 31 anche se, la gran parte della Torino bianconera (oltre i 250 milioni di tifosi bianconeri sparsi nel mondo) sventolerà per la 33a il tricolore sulle bandiere per le vie della città: le ferite di Calciopoli sono lontane dall’essere sanate. Dentro lo stadio ligure è tempo di festeggiare per il primo campionato vinto dal tecnico livornese con la Signora, il quarto consecutivo per una squadra che da lungo tempo risulta essere la dominatrice assoluta della nostra serie A e che taglia il prestigioso traguardo con ben quattro giornate d’anticipo. E’ stata una festa sobria, iniziata nello spogliatoio prima e all’aeroporto di Caselle poi, dove i bianconeri sono stati accolti da alcune centinaia di tifosi con urla di gioia mentre piazza San Carlo tributava loro applausi e il giusto onore. Un tributo intenso ma breve: domani arrivano i campioni in carica della Champions League, il Real Madrid di Carlo Ancelotti e Cristiano Ronaldo, con tutti i sogni che si porta dietro. Ma torniamo alla partita di Marassi. Turnover solo per Pirlo, Chiellini e Morata, tra i titolari c’è Tevez. Quest’ultima scelta, sui social network juventini, non è stata molto condivisa: “Ma come, lo risparmi nel derby e lo schieri dal primo minuto a tre giorni dalla Champions?”. Occhi puntati sull’argentino mentre le due squadre si dispongono in campo con un rombo speculare. Tevez va al minimo, si gestisce, mentre Llorente ovviamente aggredisce la partita. Ma dopo 32 minuti equilibrati e bloccati, giungeva la svolta della partita: Llorente apriva per Lichsteiner che metteva sulla testa di Vidal il pallone dello 0 a 1. Boato juventino da parte della dirigenza bianconera, su tutti Marotta e Nedved mentre Ferrero, presidente della Samp, si dimostrava sconsolato. Carlitos si ripresenta in campo per disputare la seconda frazione di gioco, spaventando Viviano con un gran tiro, piazzando un cross rasoterra nell’area sampdoriana. Mihajlovic vorrebbe la sua squadra aggressiva e invece è sembrato avere poca energia nel serbatoio per questo finale di stagione. Buffon, vecchio cuore genoano, non è stato chiamato in causa per tutta la prima ora di gioco. Viene spaventato appena più tardi, quando Bergessio, subentrato a Rizzo, calcia due volte verso la porta: traiettoria sempre alta, nel secondo caso per un prodigioso recupero di Bonucci in scivolata. La Juve ha spazio per ripartire, nei momenti in cui decide di correre e di non abbassare il ritmo di gara. Tevez spreca il raddoppio con un rasoterra assai lento e lasciando il posto a Morata. Dentro anche Chiellini, per alzare il muro finale e ricomporre la difesa azzurra di Antonio Conte. “Siamo noi, siamo noi, i Campioni dell’Italia siamo noi”, intonano piccoli gruppi di tifosi juventini qua e là per il Ferraris. Allegri li guarda e sorride: il primo sorriso di giornata, il primo di una lunga serie. Poi di nuovo facce concentrate: lo spettacolo è solo all’inizio, per domani sera è tempo di Real Madrid e di una buona fetta di gloria.

 

Dario Barattin