Home » CULTURA E SPETTACOLI » Javier “Stakanov” alla Mostra di Venezia
CINEMA / PAOLO TURATI DAL RED CARPET

Javier “Stakanov” alla Mostra di Venezia

di ilTorinese pubblicato sabato 16 settembre 2017

 

Javier Bardem

Sin da “L’amore ai tempi del colera”, tratto dal capolavoro di Gabriel Garcia Marquez, Javier Bardem, lo scialbo Florentino, nel film di Mike Newell, innamorato senza speranza di una splendida Fermina-Giovanna Mezzogiorno a sua volta attratta da quel gran bel fustaccione di Hactor Elizondo per tutta la durata del lungometraggio fino a quando, anziani (dopo 51 anni, 9 mesi e 4 giorni), questo sentimento viene misericordiosamente contraccambiato, ha dimostrato una grande capacità di interiorizzazione dei personaggi, tipica dei grandi attori. Se in film horror banali come “Mother”, di Darren Aronoksky (ho trovato questo film presentato alla 74ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il cui termine è stato accolto da non pochi fischi e “buuu”, guardabile solo per il ritmo in cui si sono susseguiti per tutta la seconda parte della pellicola gli effetti speciali e, segnatamente, quelli acustici relativamente agli sbattimenti di porte), che presenta riferimenti a immagini fin troppo note del “genere”(a tratti delirante, privo di coerenza, insomma un fallimento mascherato da film grandioso) Javier non riesce ovviamente( ci vorrebbe Superman)ad imporsi( così come pure le brave e belle Jennifer Lawrence e Michelle Pfeiffer), in quelli dove c’è “cuore” ci riesce come pochi altri. Sicchè troviamo una Penelope Cruz, moglie dell’attore canarino, che ha dichiarato durante la Conferenza Stampa susseguita alla Prima, sempre nell’ambito della kermesse lagunare di quest’anno, di “Loving Pablo”, di Fernando Leon, di cui era co-protagonista ancora con Bardem, che il buon Javier era “tanto” Pablo (Escobar) da darle la nausea. In effetti, anche fisicamente, il Re dei Narcos era reso in modo perfetto (tanto che i 20 kg che Bardem aveva dovuto prendere per somigliare ancor più a Pablo ancora non parevano smaltiti durante la passeggiata sul Red Carpet). Storia avvincente e fedele ad un periodo che ha cambiato i peggio la vita di questo nostro Mondo, sempre più alla ricerca dell’effimero, la cui sostanza, parimenti negativa, spesso è solo più quella di rimpinguare gli Imperi finanziari del male.

Paolo Turati

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE