Home » CULTURA E SPETTACOLI » James Conlon dirige il concerto per il 70° della Repubblica
GIOVEDI' 2 GIUGNO

James Conlon dirige il concerto per il 70° della Repubblica

di ilTorinese pubblicato mercoledì 1 giugno 2016

Famose pagine sinfoniche tratte da opere verdiane e la Quinta Sinfonia di Beethoven protagoniste del Concerto della festa della Repubblica all’Auditorium Rai di Torino

DUE GIUGNO CONCERTO

Sarà un concerto di grande respiro quello in programma il 2 giugno alle 20.30 all’ Auditorium Rai di Torino, in occasione del settantesimo anniversario della festa della Repubblica. A dirigere l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai sarà il maestro James Conlon, noto direttore d’orchestra americano. La serata, trasmessa in diretta su Radio 3, è promossa dal Comitato Resistenza e Costituzione e dal Consiglio Regionale del Piemonte, offerta a tutta la cittadinanza. Si aprirà con alcune delle più belle pagine sinfoniche più celebri tratte da opere verdiane. Giuseppe Verdi è, d’altronde, il compositore che più di qualsiasi altro ha rappresentato e rappresenta l’Italia musicale nel mondo, oltre che in arare lo spirito risorgimentale dell’ Italia unita. È noto non solo con le sue arie operistiche, ma anche per le sue Sinfonie, coma quella tratta dala Luisa Miller, per il Preludio e i Ballabili del terzo atto del Macbeth, che verranno eseguiti nel corso del concerto. Per il Macbeth Verdi aveva in mente una specie di danza che non doveva incorrere nella censura granducale relativa al periodo della Quaresima. Nella realizzazione scenica il “ballabile degli spiriti aerei” dovette consistere in evoluzioni aeree di Ondine e silfidi, scese in barchetta dalle nubi, sostenute anche da argani e carrucole. L’atto terzo dell’opera verdiana, tratta da Shakespeare, si propone da subito come l’atto delle stregonerie e degli incantesimi, in cui passano i famosi otto re, l’atto in cui Verdi volle sfoggiare tutta la sua scienza fantastica e la teoria della musica pittorico- metafisica. In chiusura del concerto verrà eseguito uno dei capolavori sinfonici dell’ Ottocento, la Sinfonia n. 5 in do minore op. 67 di Ludwig van Beethoven, che presenta uno degli incipit più noti della storia della musica, simboleggiato dal destino che batte alla nostra porta. L’ingresso in sala sarà consentito fino alle 20.15.

Mara Martellotta