Home » TRIBUNA » “Italia ripensaci: Firma il bando ONU contro le armi atomiche”
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

“Italia ripensaci: Firma il bando ONU contro le armi atomiche”

di ilTorinese pubblicato lunedì 27 novembre 2017

Martedì 28 novembre 2017, ore 16,30 sala Colonne di Palazzo civico, P.zza Palazzo di Città 1, Torino

l’incontro dal titolo Italia ripensaci: Firma il bando ONU contro le armi atomiche con Francesco Vignarca, Coordinatore della Rete Italiana per il Disarmo, interlocutore in Italia dell’ICAN, Premio Nobel per la pace 2017

Dopo l’introduzione di Enzo Lavolta, Vice-presidente Vicario del consiglio Comunale di Torino, Paolo Candelari del coordinamento, porrà alcune domande a Francesco Vignarca sul Trattato ONU che mette al bando le armi nucleari, approvato il 7 luglio scorso, e sulla campagna in corso per convincere il governo italiano a ratificarlo.

Seguirà dibattito con i presenti.

La difficile situazione internazionale con intensificarsi di scontri politico/militari dalle conseguenze imprevedibili ma comunque catastrofiche, mette in evidenza la necessità di invertire la tendenza al riarmo. La presenza di più di 15000 ordigni nucleari sparsi per il mondo e posseduti da 9 stati, a cui altri potrebbero aggiungersi rende il mondo altamente insicuro. Alcuni degli stati non nucleari, delusi dalla sostanziale inerzia del trattato di non proliferazione hanno accolto la proposta di diverse associazioni della società civile di tutto il mondo che chiedevano di mettere al bando le armi nucleari così come è stato fatto con le mine anti-uomo, le bombe a grappolo e le armi chimiche e biologiche. Si è così arrivati al Trattato del 7 luglio scorso ora alla ratifica dei vari stati. L’Italia, come tutti i membri della Nato ha deciso di non ratificarlo. Noi vorremmo convincere il nostro governo del contrario tramite una campagna di pressione popolare.

Abbiamo pertanto invitato Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Italiana Disarmo e referente per l’Italia della campagna internazionale per il disarmo atomico (ICAN) a parlarci delle motivazioni che dovrebbero spingere il nostro governo e dell’attuale stato della campagna.

La consegna del Premio Nobel per la pace 2017, all’ICAN, e il simposio internazionale sul disarmo atomico, convocato dalla Santa Sede il 10-11 novembre speriamo aiutino a prendere coscienza dell’improrogabile necessità di arrivare al più presto ad un mondo senza armi nucleari.

 

Per il Coordinamento di cittadini, associazioni, enti e istituzioni locali

contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi

 

Paolo Candelari