Home » ECONOMIA E SOCIALE » Italia dove vai?
L'amara fotografia del Censis con il 51° rapporto sull'Italia

Italia dove vai?

di ilTorinese pubblicato domenica 3 dicembre 2017

Il Censis (Centro Studi Investimenti Sociali) fotografa, con il suo 51 rapporto, il Bel Paese che tanto bello non è più da vent’anni. Seppur quest’anno ci sia stata la crescita (metà però di quella delle altre nazioni europee) e non congiunturale, ma probabilmente strutturale, a sentire l’ex ministro dell’Economia Domenico Siniscalco (attualmente Vicepresidente della Morgan Stanley), gli italiani non hanno fiducia in nessuno che li rappresenta e dirige l’Italia: l’84% degli italiani non ha fiducia nei partiti politici, il 78% nel Governo, il 76% nel Parlamento, il 70% nelle istituzioni locali, sia Regioni che Comuni. Se la fiducia è una cosa seria, come recitava uno slogan pubblicitario, la sfiducia riguarda tutti e non perdona nessuno.

***

A riprova, ne sono l’aumento progressivo degli assenteisti alla elezioni. Se il 60% è insoddisfatto di come funziona la democrazia nel nostro Paese, va ancor peggio per il 64% che è convinto che la “gente”, il popolo non conti nulla, fino ad arrivare al 75% che valuta negativamente l’erogazione dei servizi pubblici in relazione al costo. Il Censis rileva che: “non sorprende che i gruppi sociali più destrutturati dalla crisi, dalla rivoluzione tecnologica e dai processi della globalizzazione siano anche i più sensibili alle sirene del populismo e del sovranismo”. Ne consegue che il rancore, l’astio nei confronti di tutti e di tutto la fa da padrone. Un’Italia che cambia (male aggiungiamo noi) di conseguenza stravolge e rivoluziona le classifiche delle cose importanti che nell’ anno che sta per finire stanno peggiorando rispetto al censimento che fotografa la situazione, per buona parte, dello scorso anno. L’amara classifica fa registrare che: i social network si posizionano al primo posto (32,7%), per fortuna resiste il mito del “posto fisso(29,9%), ma chi lo avrà più? inseguito dallo smartphone (26,9%), dalla cura del corpo -i tatuaggi e la chirurgia estetica – con il 23,1% e drammaticamente dal selfie (21,6%) per tutte le occasioni; precedendo il sogno della prima casa che fa registrare solo il 17,9% e quello di un valido titolo di studio come strumento per accedere al lavoro e di gratificazione sociale (14,9%). Stranamente, tra i desideri, l’auto nuova scende al (7,4%) e il cinema non conta quasi più nulla facendo registrare solo il 2,1% delle indicazioni. Con una maggioranza schiacciante vincono i social network e internet (26,6%) che anche per ridurre il costo delle intermediazioni fa registrare la crescita del Web per il “fai da te“.

***

Alla fine si taglia su tutto, ma non su Smartphone e computer. In questo, avvilente panorama, crollano gli investimenti pubblici non solo a causa del Patto di Stabilità, ma anche per via della burocrazia e del recepimento troppo rigido delle normative europee. Ancora una volta si registra il sommerso, ma non è più quello degli anni ’70, che nascondeva aree di grande produttività, di sviluppo e ricchezza. Questo è un sommerso “post terziario”, statico che non crea sviluppo, benessere e non funge da volano per l’economia con lavori spesso affidati a multinazionali con maestranze all’estero Albania,Romania, India ecc.) e tasse pagate all’estero o non pagate del tutto. Anche quest’anno tirano ancora il turismo e l’export per chi ha capacità di autofinanziamento perché le Banche (non solo per colpa loro) ai piccoli imprenditori non erogano credito. La strada per risalire la china sarà lunga e non si vede nulla o quasi all’orizzonte che faccia ben sperare. Se l’Italia fa registrare ancora un grande sommerso è anche quella dei lavoretti, dei lavori a partita Iva. Concludiamo con frasi dello scrittore Giovanni Arpino: ” Vivi in pace e dà pace“, ma aggiungiamo noi, di questi tempi, chi ti fa vivere in pace e soprattutto chi te la dà?, e in particolar modo sarà possibile che, “risorgeremo salvatori”… solo se crederemo nell’italianità!

Tommaso Lo Russo