Home » POLITICA » Istruzioni per l’uso a chi vuole andare a votare
Qualcuno tanti anni fa diceva: ogni nazione si merita i governanti che ha

Istruzioni per l’uso a chi vuole andare a votare

di ilTorinese pubblicato venerdì 2 marzo 2018
Se non volete che il vostro voto sia annullato la croce è meglio farla solo sul partito. E mi raccomando, non scrivete preferenze. In questo caso l’annullamento é certo. Una delle bellezze della democrazia é la semplicità, la chiarezza . Ma questa legge elettorale non è semplice né chiara. Lo stanno testimoniando i vari comitati elettorali delle prefetture, molto preoccupate per la quantità di probabili schede nulle. Lasciamo stare i conteggi per determinare le varie attribuzioni. Esempio. La coalizione deve superare il 5 %. Se il singolo partito non supera il 3 non ha eletti. Ma se supera  l’1 i voti sono regalati al partito di maggioranza relativa della singola coalizione. A meno che non si riesca a raggiungere la soglia dell’1, e in questo caso i voti si “buttano via”. Ecco un regalo dell’ accordo tra il Berlusca e  Renzi che ora dice che questa legge non gli piace e che non si candida a presidente del Consiglio ancorché é segretari del Pd. Menti “perverse ” hanno concepito tutto ciò per controllare  candidati ed eletti in primis. Nel 1975 sono diventato maggiorenne e nominato scrutatore. Il presidente di seggio prima dello spoglio ci ha informato: si deve interpretare la volontà dell’elettore. Cosi bastava dare una preferenza al candidato per votare la lista. Dopo, con il ballottaggio per il sindaco,  é stato previsto il voto disgiunto. Poter scegliere tra lista e sindaco.
***
Ora non é dato. E abbiamo assistito a mistificazioni. Salvini che sostiene : io premier? Me la gioco col Berlusca. Berlusca dice: sarà Tajani.  E la Meloni : ci sono anche io.  Renzi farà un passo indietro a favore di Gentiloni. Con il massimo raggiunto da Di Maio che ha già scelto i ministri imbarazzando il Presidente della Repubblica che ricorda di essere lui a proporre dopo aver consultato i partiti. Questa é la Costituzione, e la Costituzione é la base della democrazia. Basterebbe aver un po’ studiato. Comunque – e la parola comunque ha un suo preciso significato – caro cittadino, il voto è uno dei tuoi diritti-doveri .Attualmente siamo una democrazia zoppicante con una legge altrettanto claudicante e confusa. Ma vale sempre la pena uscire di casa per andare a votare, con la convinzione che ” le cose” dovranno cambiare per i cittadini e  per i partiti o presunti tali, oltre che per questa immatura democrazia che è l’ unica attualmente disponibile Qualcuno tanti anni fa diceva: ogni nazione si merita i governanti che ha.
Patrizio Tosetto