Home » TRIBUNA » Istruzione alla legalità, la proposta di Apidge
AL SALONE DEL LIBRO

Istruzione alla legalità, la proposta di Apidge

di ilTorinese pubblicato martedì 17 maggio 2016

apidge salone“Anche in pensione continuerò ad occuparmi di legalità in ambiti come la sicurezza sul lavoro e la sicurezza agro – alimentare”. Così Giancarlo Caselli, già Procuratore della Repubblica a Palermo e a Torino ha contraddistinto il suo intervento nel convegno, promosso da APIDGE (Associazione Professionale Insegnanti Discipline Giuridiche ed Economiche, www.apidge.altervista.org) al Salone del Libro di Torino. Nella stessa occasione il Presidente APIDGE Ezio Sina ha lanciato la proposta di introdurre la “Istruzione alla Legalità” nella scuola, sotto i vari aspetti – bullismo, ambienta e territorio, sicurezza sul lavoro e tutela della salute, sicurezza stradale. Nelle sessioni dell’evento, coordinate da Maria Giovanna Musone e Massimo Iaretti di APIDGE si sono susseguiti i contributi di Patrizia Baldelli, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Torino, Gianna Pentenero, assessore all’Istruzione e Lavoro della Regione Piemonte, Alessia Rosa, coordinatore di INDIRE, Massimiliano Quirico, direttore della rivista Sicurezza e Lavoro, Fosca Nomis consigliere del Comune di Torino, Bruno Galvani, presidente della Fondazione Anmil “Sosteniamoli subito”, Valeria Basili, psicologa per il progetto di sicurezza stradale “Noi Sicuri”. Infine il presidente Sina ha consegnato una pergamena al deputato Fabio Lavagno per l’impegno profuso per gli insegnanti di diritto ed economia politica. E proprio in chiusura, Massimo Iaretti, che oltre ad essere responsabile dell’Ufficio stampa di Apidge ne è anche il coordinatore piemontese ha lanciato la proposta di elaborare un documento da presentare in tutte le sedi istituzionali e legislative affinché presto il delicato tema della sicurezza sul lavoro e della tutela della salute dei lavoratori diventi materia di insegnamento curricolare in tutte le scuole “perché fondamento di un diritto – dovere e di una coscienza civica”.