Home » POLITICA » Io sto con Mattarella
Gigino e Matteo non attaccatevi al computer ma entrate in una libreria o in una biblioteca. Lì potrete sentire l'odore dei libri

Io sto con Mattarella

di ilTorinese pubblicato domenica 27 maggio 2018
Io sto con il Presidente della Repubblica. Sta solo facendo il suo dovere e come si dice sta solo realizzando le prerogative del Capo dello Stato. Qualcuno a Di Maio e Salvini ha spiegato cos’è una Repubblica italiana democratica? Ma loro rispondono: noi abbiamo vinto le elezioni. Appunto, avete vinto, non state  occupando i posti di potere dello Stato. Che poi nel pensarci bene non avete vinto un bel niente .Semplicemente vi siete conquistati una posizione “privilegiata” per formulare una proposta al Presidente della Repubblica. Il presidente incaricato in accordo con il Mattarella  formulerà una proposta alle Camere. Eppure dovrebbero conoscere la nostra Costituzione. Fieramente hanno votato no al referendum proprio per difenderla dal piano renziano. Anche se il sospetto che l’abbiano fatto per contrarietà e che non l’abbiano mai letta c’è tutto. Personalmente preferisco la cultura idealista di Benedetto Croce che il revanscismo neoborbonico.  Preferisco un Matteo Salvini che si autodefinisce comunista padano che scimmiottare i fascisti di Casa Pound. Sono preferenze, opinioni e giudizi, come tali opinabili. Discutere e mettere in discussione le proprie certezze è il sale della democrazia. Si possono cambiare le regole. Ma a bocce ferme. Tant’è che Matteo Renzi … per la prima volta mi è simpatico. Lui voleva cambiare le regole, ma a bocce ferme .Non ha ottenuto i  due terzi dei consensi in parlamento, ha indetto il referendum. Per  intanto si gioca con queste regole. È Gigino insiste: 12 milioni d italiani ci hanno votato per il cambiamento. Cosa c’entra?  Attenti  a non contrabbandare l’eventuale richiesta di cambiamento con la legittimità di stravolgere le regole del gioco mentre il gioco è in corso. C’è dell altro? Spero di no. Vedo troppi fascismi addentrarsi sull’ accordo giallo verde. Ma spero di sbagliarmi e che la causa di tutto sia solo ignoranza, anche se soprattutto per chi vuole governare l’ ignoranza è una colpa imperdonabile.  Continuano nel confidare nel Presidente della Repubblica.  In questi mesi ha avuto nervi saldi .Il compito era tutt’ altro che semplice e lo sta realizzando con competenza. Sarà iniziata la terza repubblica ma la nazione continua ad affidarsi a uomini politici formati nella prima Repubblica. Con un mio personale invito a Gigino e Matteo – ora leader non solo del Nord – di leggere il filosofo tedesco idealista Fitche. Sulle dissertazioni e diversità tra Stato e nazione. Con una ultima raccomandazione: se volete ascoltare un consiglio per una volta – almeno per una volta – non attaccatevi al computer ma entrate in una libreria o in una biblioteca. Lì potrete sentire l’odore dei libri, del sapere e del conoscere. Ne
avete bisogno.
Patrizio Tosetto