Home » Dall Italia e dal Mondo » INDIFFERENTI, CONSAPEVOLI, EQUILIBRATI E FANATICI: I 4 IDENTIKIT DEGLI ITALIANI ALLE PRESE CON GLI INFESTANTI
RAPPORTO TRA INFESTANTI E IGIENE

INDIFFERENTI, CONSAPEVOLI, EQUILIBRATI E FANATICI: I 4 IDENTIKIT DEGLI ITALIANI ALLE PRESE CON GLI INFESTANTI

di ilTorinese pubblicato venerdì 8 febbraio 2019

C’è chi non teme (quasi) nessun infestante e chi ha una vera e propria fobia, tanto da diventare maniacale in fatto di igiene e pulizia: un’indagine Doxa per Rentokil Initial svela i profili degli italiani nel loro rapporto tra infestanti e igiene

 

Oltre 16 milioni di italiani – in maggioranza donne – sono fanatici dell’igiene e terrorizzati all’idea di contrarre malattie anche a causa del contatto con infestanti di varia natura

 

 

 L’unica certezza presente in tutte le case degli italiani è che prima o poi arriveranno a far visita insetti volanti o striscianti, cimici e purtroppo anche scarafaggi o piccoli roditori. Una convivenza forzata che si protrae nel tempo da sempre, ma diverso è il modo in cui ciascuno affronta il fatto che zanzare, vespe, calabroni, blatte, topi e infestanti di ogni tipo possano essere in agguato in ogni momento.Secondo un’indagine condotta da Doxa per conto di Rentokil Initial, leader mondiale in servizi di disinfestazione e derattizzazione e in servizi per l’igiene, sono 4 i profili emergenti quando si parla degli italiani e del loro rapporto con gli infestanti e l’igiene. Indifferenti, Consapevoli, Equilibrati e Fanatici: il quadro delineato dalla ricerca mette in mostra un universo variegato di comportamenti e un crescendo di ansie e preoccupazioni per la presenza di infestanti e la paura di contrarre infezioni a causa della scarsa igiene di cui sono sinonimo. Si va quindi da chi non ha paura quasi di nulla a chi sviluppa vere e proprie fobie che generano atteggiamenti maniacali in fatto di igiene personale e pulizia degli ambienti.

 

Ecco i 4 identikit degli italiani alle prese con infestanti e igiene:

 

  1. GLI INDIFFERENTI – Sono circa il 14% degli italiani intervistati, pari a circa 6,2 milioni di persone, prevalentemente uomini che vivono nelle regioni del Nord Ovest, tra i 35 e i 44 anni, senza figli.

Non temono insetti volanti o striscianti, ma si dimostrano più ‘sensibili’ alla vista di ratti e topi. Si dichiarano più tolleranti della media in caso di incontri ravvicinati con insetti al ristorante o in palestra e non usano accorgimenti per prevenire l’arrivo di infestanti in casa.

Non sono particolarmente attenti all’igiene – sia in casa che fuori casa – e, in generale, non temono il rischio di malattie causato da scarsa igiene o da presenza di infestanti: al contrario, una parte di loro (21%) ritiene che una situazione di scarsa igiene possa addirittura rafforzare le difese immunitarie.

 

  1. I CONSAPEVOLI – è il gruppo a cui appartengono circa 9 milioni di italiani, il 22% della popolazione intervistata. Anche in questo caso si tratta in maggioranza di uomini nella fascia d’età 25-34 anni, con bambini sotto i 10 anni, residenti al Sud e nelle Isole.

Per questo gruppo, zanzare e blatte sono gli infestanti più sgraditi anche se il vero incubo sono ratti e topi: i roditori infatti fanno ribrezzo, ma generano anche paura per il rischio di essere attaccati e di contrarre malattie, dato che la loro presenza è considerata sinonimo di scarsa igiene.

Per questa ragione sono attenti all’igiene personale e della casa, pur non essendo dei maniaci del pulito: hanno cura di stessi e dell’igiene delle mani, curano i sanitari del bagno di casa, le superfici della cucina, e svuotano i cassonetti della spazzatura con regolarità e frequenza.

 

  1. GLI EQUILIBRATI Quasi 10 milioni e mezzo di italiani (il 24% della popolazione tra i 18 e i 70 anni) appartengono a questo gruppo: sono sia uomini (49%) che donne (51%), residenti nelle regioni del Nord Ovest e senza figli.

Rispetto ai Consapevoli, questo gruppo intende il concetto di igiene in modo più ampio: non si tratta solo di avere cura di sé e degli ambienti in cui si vive, ma anche di assicurare l’assenza di parassiti, insetti e infestanti in generale e la sicurezza degli alimenti. Pur non temendo in modo fobico la presenza di infestanti, sono molto sgraditi scarafaggi e topi, sinonimo di scarsa igiene e rischiosi per la trasmissione di malattie ed infezioni e per danni ai cibi.

Hanno anche paura e provano ribrezzo per insetti striscianti e temono le punture degli insetti volanti. Sono inoltre accorti nella pulizia periodica della casa: dalla lavatrice, ai tendaggi e al divano che vengono puliti con regolarità, così come pattumiere e cassonetti della spazzatura.

 

  1. I FANATICI – è il gruppo più numeroso, costituito da 16 milioni e mezzo di persone, ovvero il 40% degli italiani intervistati. Si tratta in maggioranza di donne tra i 55 e i 70 anni che vivono al Sud e nelle Isole, con figli che hanno superato i 10 anni di età.

Sono affetti da vere e proprie fobie, sono attenti a tutte le situazioni e temono la trasmissione di malattie e infezioni dappertutto. La loro lista degli infestanti più sgraditi è molto lunga: blatte, mosche, cimici, vespe, piccioni, topi, formiche, con picchi di vero e proprio terrore per ratti e topi. Temono la trasmissione di malattie e virus e danni ai cibi causati dagli infestanti e non sono affatto tolleranti quando capita di incontrarli, tanto che richiederebbero subito un servizio di disinfestazione urgente. Ritengono che la scarsa igiene sia la prima causa di una serie di problemi quali malattie, trasmissione di virus, problematiche dermatologiche e molto altro.

Adottano molteplici accorgimenti per tenere lontani gli infestanti e mantenere puliti tutti gli ambienti in cui vivono: monitorano il contenitore dei rifiuti, utilizzano zanzariere, controllano i letti, svuotano i cassonetti della spazzatura; evitano di lasciare all’esterno il cibo degli animali e utilizzano maggiormente un pulitore a vapore.

Italiani e infestanti, Indagine demoscopica realizzata da Doxa per Rentokil attraverso 1.005 interviste online su un campione nazionale rappresentativo della popolazione italiana adulta di 18-70 anni. Le interviste sono state condotte dall’ 11 al 14 maggio 2018.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE