Home » prima pagina » Incubo alluvione, come gestirlo? “Il lavoro fatto negli anni è valido, ora la manutenzione”
L'EX ASSESSORE CAVALLERA SEGUI' LA RICOSTRUZIONE DOPO LE CALAMITA' DEL '94 E DEL 2000. "IL MONITORAGGIO COSTANTE DI PONTI E FIUMI E' FONDAMENTALE PER UNA ADEGUATA PREVENZIONE"

Incubo alluvione, come gestirlo? “Il lavoro fatto negli anni è valido, ora la manutenzione”

di ilTorinese pubblicato venerdì 25 novembre 2016

preteroti-murazzi-poCerto, le immagini dei battelli Valentino e Valentina spinti dalla piena del Po contro i piloni del ponte della Gran Madre a Torino fanno effetto. Ma il bilancio del maltempo che in questi giorni ha colpito il Piemonte sarebbe potuto essere  ben più grave, con enormi danni alle persone, alle case  e alle opere pubbliche. Come ha sottolineato il presidente della Regione Sergio Chiamparino, se nel corso degli ultimi anni non fossero stati realizzati importanti interventi sui corsi d’acqua dopo le alluvioni del 1994 e del 2000, il risveglio al termine di questa nuova notte di pioggia sarebbe stato ben più amaro. “il Torinese” ha incontrato l’ex assessore regionale Ugo Cavallera, responsabile della Sanità nella giunta Cota, ma titolare della difesa del suolo e della protezione civile nei governi regionali di Enzo Ghigo del 1995 e del 2000. Già nel 1994, immediatamente dopo l’alluvione, l’allora presidente Gian Paolo Brizio lo incaricò di seguire la ricostruzione, cosa che portò a termine dal ’95 in poi. “Molti interventi venero

Tavola rotonda su "Quale futuro della candidatura Unesco per Langhe Monferrato Roero?" a Canelli presso Canelli Club Gancia, sabato 21 luglio 2012. Nella foto: Ugo Cavallera, Vice Presidente della Regione Piemonte.

realizzati in quegli anni, grazie anche ai governi via via succedutisi,  e il Piemonte oggi è all’avanguardia nella protezione civile e nella difesa del suolo. Naturalmente bisogna stare sempre all’erta ed è fondamentale una continua opera di manutenzione dei ponti e dei corsi d’acqua, affinché si cerchi di prevenire al meglio”, osserva l’ex assessore. In quegli anni venne effettuata anche una importante riforma: l’allora magistrato per il Po fu trasformato in Aipo, un’agenzia che oggi coordina meglio e in modo più razionale le attività che riguardano tutte lepreteroti-murazzi-po-2 regioni attraversate dal fiume. “Altro aspetto importante – aggiunge Cavallera – è quello urbanistico: non deve essere consentito costruire laddove ci sia il benché minimo dubbio che possano verificarsi problemi”. Il Piemonte ha fatto tesoro delle drammatiche esperienze alluvionali e oggi ogni piano regolatore anche del più piccolo Comune passa al vaglio di un attento esame dal punto di vista degli aspetti legati alla difesa del suolo. Cavallera  ci parla dal ponte Meier, sul Tanaro in piena della sua Alessandria: “ricordo le critiche di chi diceva che il ponte era stato fatto troppo alto…”. Vista la mole d’acqua che sta passando sotto i piloni c’è da chiedersi cosa sarebbe accaduto se fosse stato più basso.

 Le foto dei battelli Valentino e Valentina sono di

Antonello Preteroti Photography – Landscapes & Turin Events

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE