Home » prima pagina » In Valle sfila il volto pacifico del popolo No Tav
DAL CAMPO SPORTIVO DI GIAGLIONE FINO AL CANTIERE DI CHIOMONTE DECINE DI MANIFESTANTI HANNO PROTESTATO CONTRO LA TORINO-LIONE

In Valle sfila il volto pacifico del popolo No Tav

di ilTorinese pubblicato sabato 26 luglio 2014

Qualche slogan contro l’alta velocità è stato scandito ad alta voce battendo le mani ritmicamente sulla recinzione del sito, oltre la quale i poliziotti senza casco calato sul capo, osservavano immobili

 

notavbs.org

A sfilare è stato il volto pacifico del popolo No tav che si è voluto riscattare dopo la notte di guerriglia di giovedì scorso. Con partenza dal campo sportivo di Giaglione la ‘marcia popolare’ composta da decine di persone ha attraversato i boschi della Val Clarea fino ad arrivare alle barriere del cantiere di Chiomonte, che è stato oggetto del lancio di razzi e bombe carta l’altra notte.  Qualche slogan contro la Torino-Lione è stato scandito ad alta voce battendo ritmicamente le mani sulla recinzione del sito, oltre la quale i poliziotti senza casco calato sul capo, osservavano immobili.
   

Intanto il sito notav.info lancia i propri strali via web contro le affermazioni del ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi e del presidente della Regione, Sergio Chiamparino, che avevano attaccato duramente gli atti di violenza di giovedì. In particolare, il governatore piemontese aveva accusato il movimento che si oppone alla Torino-lione di ammantarsi di buonismo attraverso musica e polentate, alternate ad atti di pura guerriglia.

 

“Il popolo notav – si legge nel sito internet – non ha mai smesso di lottare e non smetterà di farlo. Si rassegnino i vari Lupi o Chiamparino, che oggi dice che non esiste un popolo notav. Il Ministro Lupi si dovrebbe vergognare di portare le scolaresche a visitare il cantiere. Il movimento notav ha riportato al centro la sua molteplice iniziativa popolare ormai ventennale, fatta di resistenza popolare, composta da bandiere ai balconi, marce, raccolte di firme, dibattiti, volantinaggi e iniziative di contrasto al cantiere. Non c’è nulla di cui stupirsi perché i notav abbiano assediato il cantiere, è già avvenuto moltissime volte e altre avverrà ancora. E’ normale, il centro del problema è quello, ed è quel mostro illuminato a giorno anche di notte che erode terra, rocce, bosco e soldi pubblici. Erode presente e futuro non solo più alla Valle di Susa, ma a tutto il Paese attraverso falsità tecniche ed economiche che politici e corte di turno continuano a raccontare”.

 

E prosegue la polemica all’interno del Pd. Il segretario regionale Davide Gariglio “scomunica” il sindaco No tav di Susa, Sandro Plano: il partito in Piemonte è ufficialemnte pro Torino-Lione.

 

(Foto: notavbs.org)