Home » Brevi di cronaca » In carcere 5 mesi per rapina, ma il sosia lo scagiona: “Sono stato io”
CRONACHE ITALIANE

In carcere 5 mesi per rapina, ma il sosia lo scagiona: “Sono stato io”

di ilTorinese pubblicato martedì 24 gennaio 2017

CARCERE SBARREDalla Puglia

Incarcerato per cinque mesi per una rapina in gioielleria che invece avrebbe commesso un sosia. Il protagonista della vicenda è un pregiudicato 46enne di Bitonto (Bari) Vincenzo Mundo, scarcerato dopo essere stato scagionato dal quello che sembra essere il vero autore del colpo, incontrato per caso in cella, che ha scelto di confessare per il rimorso. La rapina avvenne nella gioielleria di Sannicandro nel marzo 2016, quando in tre, due dei quali con il volto coperto, entrarono nel negozio armati con una pistola facendosi consegnare orologi, anelli con diamanti e collane in oro del valore di 20mila euro,  Il 2 settembre il 46enne viene arrestato. Poi, in carcere, a Bari, incontra per caso il 45enne Riccardo Corsini, detenuto per un’altra rapina. I due si somigliano così tanto che gli altri detenuti li scambiano per gemelli.