Home » prima pagina » In 100 mila per il Pride. Appendino: “Sempre con chi si batte per i diritti”
Chiamparino: "La nostra società con le unioni civili trova finalmente un nuovo assetto legislativo che riconosce pienezza di diritti per tutte le famiglie"

In 100 mila per il Pride. Appendino: “Sempre con chi si batte per i diritti”

di ilTorinese pubblicato domenica 10 luglio 2016

pride sfilataForse non erano in 120 mila come dicono  gli organizzatori  della manifestazione, ma al Torino Pride la partecipazione è stata davvero massiccia.  L’evento per i diritti promosso dal coordinamento Lgbt  è iniziato con il corteo da piazza Statuto, aperto dalla banda della polizia municipale della Città, seguita dagli amministratori comunali e regionali, ad incominciare dalla sindaca Chiara Appendino dietro lo striscione: ‘Il domani ci appartiene’ “E’ un onore per me –pride palco ha commentato – poter rappresentare Torino in un giorno così importante: saremo sempre al fianco di chi di batte per i diritti civili”. Al corteo hanno preso parte anche l’ ex sindaco Piero Fassino, una nutrita rappresentanza di esponenti Pd, le assessore regionali Monica Cerutti e Antonella Parigi e il presidente del consiglio regionale Mauro Laus. Il presidente della Regione Sergio Chiamparino, ad Oropa per accogliere i Piemontesi nel Mondo, ha inviato un messaggio: “Sono al vostro fianco perché credo che il rispetto delle scelte affettive e degli orientamenti sessuali siano temi ineludibili per una società che voglia realmente definirsi democratica, e che con le unioni civili trova finalmente un nuovo assetto legislativo che riconosce pienezza di diritti per tutte le famiglie”.

Foto: Coordinamento Torino Pride GLBT