Home » ECONOMIA E SOCIALE » Immobiliare, bene il residenziale
La buona performance  è determinata da una consistente ripresa dell’attività transattiva

Immobiliare, bene il residenziale

di ilTorinese pubblicato mercoledì 23 novembre 2016

casaSecondo i dati di preconsuntivo il 2016 dovrebbe far segnare un aumento delle compravendite residenziali nell’ordine del 25% rispetto all’anno scorso: è quanto emerge dall’analisi del 3° Osservatorio Immobiliare 2016 di Nomisma

Il comparto residenziale presenta forti evidenze di stabilizzazione. In tutte le zone cittadine i volumi posti sul mercato risultano stabili, sia sul versante della vendita che su quello della locazione. Il calo dei valori sempre più attenuato e la ripresa delle erogazioni di mutui hanno determinato un aumento delle transazioni. I tempi di vendita delle abitazioni usate sono diminuiti rispetto a un anno fa, attestandosi a 7,5 mesi, così come quelli relativi alla finalizzazione di transazioni di appartamenti nuovi, passati da 9,5 a 8 mesi.  Sul fronte dei prezzi la flessione si è pressoché annullata nell’ultimo semestre, mentre su base annuale si è posizionata al di sotto del -2%, contro il -3% rilevato un anno fa. Discreta la performance delle locazioni: i tempi di assorbimento sono in calo e si attestano sulle 2,5 mensilità per il nuovo e sulle 3 per l’usato. Continua il trend crescente dei rendimenti medi lordi da locazione, oggi pari al 5,3%, livello che non si toccava a Torino da oltre vent’anni.Il settore commerciale mostra segnali di debolezza in particolare sul fronte della compravendita, dove l’eccesso di offerta fatica ad essere assorbito da una domanda troppo debole e determina un allungamento dei tempi necessari alla finalizzazione delle trattative (10 mesi). Il divario tra il prezzo iniziale e quello praticato all’acquisto non si riduce rispetto al semestre precedente, ma rimane stabile a 16,5%. Sul fronte delle locazioni si intravedono segnali di maggiore stabilità. Le tempistiche di assorbimento, pari a 6,5 mesi, rimangono stabili, mentre i canoni su base semestrale non subiscono rilevanti variazioni, se non sui livelli massimi delle aree centrali (-2,7%).

perna foto mole mongolfiera

Il comparto direzionale, dopo semestri di congiuntura negativa, mostra segnali di stabilizzazione. Sul fronte dei prezzi, nonostante il -2,3% annuale, la flessione si è ridotta nell’ultimo semestre, arrivando ad essere pressoché nulla in tutte le aree cittadine, ad eccezione del semicentro. In calo i tempi medi di vendita, pari a 9,5 mesi, così come lo sconto praticato all’atto di acquisto, che scende al 16,5%. Sul fronte locativo, la flessione dei valori è stata leggermente più intensa (-0,9% medio) di quella rilevata lo scorso semestre, con punte del -2,4% in centro. Le difficoltà di assorbimento del segmento locativo sono ravvisabili anche dalle tempistiche necessarie a finalizzare i contratti, che rimangono pressoché stabili e pari a 7 mensilità. Il comparto dei capannoni industriali non mostra segnali di miglioramento. Per l’offerta che non si è ritirata dal mercato, i tempi medi di vendita sono ancora molto alti (oltre 15 mesi), così come quelli per concludere un contratto di affitto (11 mesi). In lieve aumento i rendimenti medi lordi da locazione, sia per il nuovo (6,8%), sia per l’usato (7,6%).

(Foto: il Torinese)