Home » ECONOMIA E SOCIALE » Immischiati a scuola: le famiglie tornano protagoniste
per una scuola migliore

Immischiati a scuola: le famiglie tornano protagoniste

di ilTorinese pubblicato giovedì 21 luglio 2016

scuola bambiniRilanciare il ruolo dei genitori nella scuola, in modo da renderli più presenti e partecipativi, migliorando, di conseguenza, l’intero sistema scolastico italiano. Con questo obiettivo nasce Immischiati a scuola, il progetto ideato dal Forum delle Associazioni Familiari a livello nazionale, a cui il Forum del Piemonte ha deciso di aderire.

L’iniziativa si svilupperà per un periodo di tre anni e vedrà il Forum del Piemonte impegnato principalmente nelle province di Torino, Alessandria, Cuneo e Novara, dove si vuole raggiungere, nell’arco del triennio, la cifra di circa 100 famiglie immischiate, e cioè completamente integrate all’interno del sistema – scuola, attraverso strumenti come i consigli di classe, la rappresentanza di classe e i comitati di genitori.

A seguito di un ultimo ventennio, in cui la separazione tra scuola e famiglia si è sempre più accentuata, creando una discrepanza di valori e obiettivi, a scapito soprattutto del processo educativo dei giovani studenti, è arrivato il momento di ricostruire un ponte tra le due istituzioni, per ritrovare un’identità condivisa e una corresponsabilità educativa.

Negli ultimi tempiafferma Fabio Gallo, Presidente del Forum delle Associazioni Familiari del Piemontela presenza dei genitori al programma scolastico dei propri figli e dei loro compagni si è retto principalmente sul buon senso sporadico dei singoli. Oggi si deve ragionare in modo più coeso e organizzato. Per questo è nato il progetto Immischiati a Scuola che ci vedrà impegnati in prima linea nella nostra regione”.

I genitori potranno così offrire alle istituzioni scolastiche un sostegno collaborativo e non invasivo, rispettando il proprio ruolo e intervenendo su aspetti fondamentali come, per esempio, l’edilizia scolastica, la situazione delle mense e l’educazione alimentare, la definizione delle materie facoltative e la sicurezza.

Proprio sulla questione mense scolastiche, che negli ultimi giorni è stata al centro del dibattito, è voluto tornare Fabio Gallo Questo è sicuramente un caso concreto su cui le famiglie immischiate potrebbero intervenire con la loro presenza. Ritengo che ogni bambino debba essere libero di mangiare quello vuole a scuola, soprattutto se gli viene dato a casa, e non obbligato a consumare i pasti della mensa. Anche da queste cose, solo apparentemente secondarie, si potrà migliorare sensibilmente la scuola dei nostri figli.

Nei prossimi mesi, il Forum Piemonte studierà, con i Forum delle singole province, le strategie per sviluppare il Progetto. Ci confronteremo con i Forum di Torino, Alessandria, Cuneo e Novara. Faremo rete in modo da decidere tutti assieme come muoverci nelle singole zone. Il nostro sogno sarebbe avere una famiglia immischiata per scuola piemontese, ma capiamo che al momento è irrealizzabile. Ci accontenteremmo di riuscire a creare un primo importante movimento virtuoso per migliorare le cose”.