Home » CULTURA E SPETTACOLI » Il successo di Brignano oggi s’intitola Enricomincio da me
Sino a domenica 11 dicembre

Il successo di Brignano oggi s’intitola Enricomincio da me

di ilTorinese pubblicato martedì 29 novembre 2016

brignano1Perché ricominciare? Ricominciare quando con successo, un successo che perdura da anni, ti sei ampiamente affermato, avendo la certezza sacrosanta di esserti circondato di un pubblico che ti segue, di trovare familiarità con il cinema (agli inizi La bomba per la regia di Giulio Base, poi la chiamata da parte di Carlo Vanzina per South Kensington a fianco di Rupert Everett, per arrivare a Poveri ma ricchi di Fausto Brizzi in uscita il prossimo 15 dicembre) e con il teatro (è cresciuto alla scuola di Gigi Proietti, è stato un applaudissimo Rugantino, per due stagioni ha riempito i teatri con Evolushow), di esser nato e cresciuto con quel mezzo televisivo che ti apre le porte di tutte le case (dalle Iene a Zelig ad Amici, non dimenticando il suo Giacinto nel Medico in famiglia e il ruolo di testimonial di un celebre caffè). Ma ha tagliato il traguardo dei trent’anni di attività e soprattutto dei cinquanta d’età – è nato a Roma, in un ormai lontano 18 maggio, tutto laziale, con origini che s’incrociano tra Sicilia e Abruzzo e che hanno anche, come ci tiene a sottolineare la rete, un piede in Piemonte, “come indica il cognome” -, per cui Enrico Brignano ha voglia di rimettersi in gioco. Forse un po’ presto, ma i traguardi vanno rispettati e la partita è apertissima. Come il gioco. E il desiderio primo è quello di giocare con il proprio nome e di inventarsi questo Enricomincio da me (un ricordo un po’ più personalizzato e senza attese nei confronti dell’antico Troisi?) che debutta stasera all’Alfieri, nel calendario del Fiore all’occhiello di Torino Spettacoli, per rimanere sino a domenica 11 dicembre. Scritto a più mani, oltre all’interprete hannobrignano2 contribuito alla “storia” Mario Scaletta, Riccardo Cassini, Massimiliano Giovannetti, Luciano Federico e la presenza femminile di Manuela D’Angelo, questo rendiconto del/dal passato sembra poggiare su tutto meno che sulla certezza, se è che l’interessato si chiede come prima cosa “se ciò che è diventato è stato il frutto consapevole delle scelte fatte, un disegno del destino oppure una gran botta di cu…riosa casualità”. E allora eccolo qui il mattatore (e cominciamo a usarla questa parola per lui!) a guardarsi indietro e a intraprendere un viaggio nel tempo, rincontrando vecchie conoscenze, brani di una comicità già percorsa, ombre mai più messe a fuoco, scommettendo anche sull’inesistenza del passato e reinventando una strada diversa da quella percorsa, per il solo gusto di scoprire dove mai lo avrebbe portato. Non è solo Brignano sul palcoscenico con la scrittura, con il divertimento e la riflessione di esporsi in prima persona, con la fatica di un attento professionista che deve tenere le fila di ogni attimo dello spettacolo; attorno a lui Ettore Massa, nel ruolo di Starbuck e Ilaria De Rosa come Giulietta, oltre una compagnia di dodici brillanti solisti. Per una serata a conferma di un successo che ha ancora tanta strada da percorrere.

Elio Rabbione