Home » vetrina10 » Il premio “Pannunzio” a Dacia Maraini
Pier Franco Quaglieni in apertura ha ricordato Carlo Casalegno nel giorno della sua tragica scomparsa

Il premio “Pannunzio” a Dacia Maraini

di ilTorinese pubblicato venerdì 1 dicembre 2017

A palazzo Ceriana Mayneri, sede del Circolo della Stampa di Torino si è svolta mercoledì la cerimonia di premiazione del “Pannunzio”. Il premio è stato conferito quest’anno alla scrittrice Dacia Maraini.  Pier Franco Quaglieni in apertura  ha ricordato Carlo Casalegno nel giorno della sua tragica scomparsa , annunciando il concerto in memoria della vittima delle BR che si terrà sabato 2 dicembre alla Biblioteca nazionale Universitaria di Torino , piazza Carlo Alberto 3 .

La motivazione del premio
“Dacia Maraini è stata collaboratrice autorevole del “Mondo” di Pannunzio.
E’ una donna libera,coraggiosa,senza pregiudizi,sempre aperta al confronto delle idee.
Il Premio Pannunzio 2017- 35esima edizione – le viene conferito come riconoscimento al suo autorevole impegno di giornalista e di scrittrice che onora l’Italia a livello internazionale e per la sua esemplare storia individuale e famigliare. “
La biografia di Dacia Maraini
Nata a Fiesole, Dacia  Maraini trascorse l’infanzia in Giappone dove, dal 1943 al 1946, la famiglia fu internata in un campo di concentramento giapponese subendo maltrattamenti e privazioni. Tornata in Italia, frequenta le scuole dapprima in Sicilia ed in seguito a Roma. Questi anni sono raccontati dalla stessa Maraini nel suo romanzo Bagheria. Fonda, insieme ad altri giovani, la rivista letteraria “Tempo di letteratura” e comincia a collaborare a riviste quali “Paragone”,” Nuovi Argomenti”, ed il settimanale “Il Mondo” di Mario Pannunzio. Interessata al teatro, ha scritto molti testi teatrali ed è stata fra le fondatrici del “Teatro della Maddalena” a Roma. Negli anni seguenti continua con la sua attività di scrittrice pubblicando, tra l’altro, La lunga vita di Marianna Ucria, Buio, che le è valso il Premio Strega, Il treno dell’ultima notteLa grande festa. Nel 2014 l’Università Bocconi, per iniziativa degli studenti, le ha riconosciuto il “Dante d’oro” per l’opera omnia.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE