Home » Brevi di cronaca » Il Piemonte ostaggio delle fiamme. A Bussoleno bruciati 1000 ettari di bosco
dal 10 ottobre è stato dichiarato lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi su tutto il territorio

Il Piemonte ostaggio delle fiamme. A Bussoleno bruciati 1000 ettari di bosco

di ilTorinese pubblicato giovedì 26 ottobre 2017

Sembrava ormai domato, invece stamane è ripreso l’incendio nei pressi del borgo di Caprie. Il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, sta pensando di chiedere lo stato di calamità per una situazione preoccupante. Ormai da alcuni giorni, a causa della siccità  e del forte vento, si sviluppano decine di focolai in particolare nelle zone di montagna. A Bussoleno sono già andati in fiamme 1000 ettari di boschi. Diverse le persone evacuate nelle case lambite dalle fiamme a Caprie. I più significativi incendi si sono verificati ieri  nei Comuni di Cumiana, Caprie, Rubiana, Bussoleno e Ribordone nel Torinese;  Pietra Porzio, Sambuco e Casteldelfino in provincia di Cuneo, unitamente a Murazzano, San Damiano Macra, Borgo San Dalmazzo e Cortemilia; anche Oleggio e Bellinzago nel Novarese e Candelo in provincia di Biella. “In Piemonte dal 10 ottobre è stato dichiarato lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi su tutto il territorio. Fino ad oggi sono stati eseguiti 161 interventi sugli incendi boschivi con 1281 volontari e 353 mezzi a terra. “In questi 15 giorni sono stati utilizzati 6 elicotteri e 3 canadair, oltre un elicottero del servizio nazionale e uno regionale dei Vigili del fuoco”, ha detto l’assessore regionale all’Ambiente Valmaggia. “E’ probabilmente la prima volta che si verificano così tanti incendi in un lasso di tempo tanto ridotto sul nostro territorio. Una dura prova per le nostre squadre della Protezione civile e dei Vigili del fuoco che però si stanno dimostrando all’altezza”

 

(foto: Regione Piemonte)