Home » POLITICA » Il pentimento degli industriali che scelsero Chiara
Ma oramai la frittata è fatta.E il treno della credibilità è partito per altri lidi

Il pentimento degli industriali che scelsero Chiara

di ilTorinese pubblicato mercoledì 31 ottobre 2018
STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto
.
Luigi Di Maio ha paura che i pentastellati implodano.Chiara Appendino è avanti su tutto: lei è già esplosa. Prima su molte cose, ma tutte negative. Ha tentato di imporre il suo volere sul gruppo pentastellato con un totale flop.  Non le é rimasta che la fuga, ottenendo il top del consenso negativo.  I no Tav arrabbiati per la sua assenza. Tutte le forze sindacali favorevoli alla Tav. Veramente sta venendo fuori che tutta la città e per la Tav. Del resto il ragionamento è semplicissimo. Per produrre ed esportare bisogna utilizzare ed avere efficienti infrastrutture, e un tunnel realizzato a metà dell’Ottocento non è proprio il massimo.  E perché i pentastellati hanno orgogliosamente votato all’unanimità l’ordine del giorno anti Tav? Innanzitutto molto ferrato sulla materia non sono, non è una novità che sono un po’ naif.  Soprattutto questa mozione non ha effetti pratici sull’opera. Tranne una credibilità della classe politica locale che ora è sottozero.
***
E i leghisti Hanno votato contro e hanno ragione.  Peccato che la nostra città stia sempre più sprofondando nell’oblio del generale disinteresse per la totale non credibilità. Mi rimane una sola ultima domanda : ma gli industriali o operai che hanno votato gli epigoni di Beppe Grillo che dicono? Sostenendo che Piero Fassino era oramai inadeguato hanno puntato sulla giovane Sindachessa, laurea alla Bocconi, e ora si pentono? Sì, proprio così, si pentono amaramente. Ma oramai la frittata è fatta.E il treno della credibilità è partito per altri lidi. In soccorso dei pentastellati arriva la sinistra sbrindellata. Fratoianni parlamentare torinese di Sel insiste: siamo sempre stati contrari alla Torino-Lione. Oramai liberi ed uguali non c’è più. Bersani e company rimangono con il cerino in mano.
***
La notizia del giorno è la Cgil: 163 favorevoli, 44 contrari e 22 astenuti. A larghissima maggioranza i figli di Giuseppe Di Vittorio, Luciano lama e Bruno Trentin sono contro la Tav. Come mai? Non sono più i figli di questi grandi sindacalisti.  Ora camminano da soli. Si perdono posti di lavoro? I ” rivoluzionari” non si preoccupano.Tanto la Cgil ha più del 60 % degli iscritti pensionati. Lo stipendio a fine mese è assicurato. Non è del resto una novità: alcuni sindacalisti hanno sempre avuto un debole per i centri sociali.Ed ora sono diventati maggioranza.Quasi sicuramente la Tav si completerà. Impossibile dire ai francesi che le opere che hanno realizzato sul loro territorio non servono a nulla.Dire all’Europa che abbiamo scherzato.Perché questo è il punto.  Per l’Europa, per i francesi, i pentastellati non sono solo gli epigoni del comico Beppe Grillo. Chi nasce comico muore comico e ricerca l’applauso del pubblico pagante. Per gli altri Paesi europei sono i governanti Italiani. Essendo tali rappresentano un problema dell’ Italia e degli Italiani. Difficilmente si voterà a Torino per il Comune. I pentastellati, come gli altri, sono troppo affezionati al loro indennità amministrativa. Anche loro tengono famiglia. Ma tra un po’ si voterà per Regione ed Europa. Vedremo cosa capiterà.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE