Home » POLITICA » Il Pd da partito a ologramma
Le idee da sole sono suggestioni o peggio ancora astrazioni. Formidabili per professori universitari ma non sufficienti per chi ha l'ambizione di governare.

Il Pd da partito a ologramma

di ilTorinese pubblicato giovedì 12 luglio 2018
Via Baltea 3, prima uscita pubblica di Maurizio Martina da segretario del Pd. Segretario ufficiale.Non più solo reggente. Nell’ aria ancora gli echi dell’assemblea romana dove il discolo fiorentino Matteo Renzi gliel’ha  fatta spurgare. Occasione è stata la presentazione del libro di Gianni Cuperlo, un buon successo. Il caldo asfissiante la fa da padrone rendendo stoica la partecipazione. I presenti sono alla ricerca di novità in questo Pd che non si arrende continuando ad essere in difficoltà.  Giorni fa incontro casualmente l’onorevole Andrea Giorgis e Carlo Bongiovanni.  Il primo tra i parlamentari del Piemonte sopravvissuti alle elezioni.  Il secondo da anni non iscritto al Pd e “scudiero” di Sergio Chiamparino.  Che succede? Si sta organizzano un incontro a Torino tra Martina e Cuperlo, la loro prosaica risposta.  Qualche battuta e finisce lì.Sicuramente Chiampa parteciperà al convegno   
Mi sembra di capire lunedì. E così è stato.  Sala piena. La Ganga salutandomi mi fa la battuta: prima fila d’ eccezione . Subito noto Enrico Salza. Capisco.Tutti lo conoscono, sanno che cosa a fatto e sopratutto non ha fatto per la nostra Città.  Da Castellani in poi tutti i sindaci hanno avuto la sua benedizione. Tutti tranne ( forse) l’Appendino.  Ma le sorprese non finiscono. Mi siedo vicino ad un vecchio amico . Enrico Cavallito il piu giovane consigliere comunale, nel ’75, del Pci.Che ne pensi?
Vedremo: sono leggermente pessimista. Ci sara Piero Fassino? Si, c’ è. Voltandoci lo vediamo.
Nel salutalo una mia battuta: ecco la vera notizia del convegno. Sorridendo: sei sempre il solito.
Oggi è di buzzo buono. Non c è dubbio. La sua presenza é politicamente rilevante (cosi si diceva una volta. Apre Giorgis che si è anche fatto carico delle spese. “Non mi arrendo a questa destra straripante ed invasiva”. Poi Martina  e Cuperlo : dobbiamo rifondare il Pd andando oltre l’esperienza della sinistra. Belle parole, ma già sentite in altre occasioni. Con l’antico vizio della sinistra di metterci un po’ di tempo nel capire il perché della sconfitta. Non viene mai nominato la lo ” spirito ” Di Matteo Renzi che aleggia nella sala. Completa il tutto l’arrivo di Anna Rossomando, vicepresidente del senato. Qualcosa di più di una sopravvissuta della considerevole e ormai passata truppa di deputati piemontesi. Caparbia partendo dal consiglio comunale di Torino è arrivata ai vertici delle istituzioni italiane. Gira tutte le sezioni del pd tentando una riorganizzazione di questo agonizzante partito. Indubbiamente encomiabile . Finisce con il suo addetto stampa discrivere e chiosare un comunicato sull’ iniziativa. Altri politici? Davide Gariglio gira come un ” falchetto”  tra una telefonata e l’altra e tende l’ orecchio per capire cosa dicono. C’è la Bragantini per solo 250 voti di scarto non riconfermata deputato.  Sorridente come sempre dice: io non mollo. E il Pd di via Masserano? Tutto tace con qualche complicanza economica. Diminuiti drasticamente gli eletti sono diminuiti pure i contributi economici. Con i 9 milioni di euro di debito maturati da Renzi nella campagna referendaria. Ma si va avanti con altri metodi. Tutto in mano  agli eletti che in questo modo possono disporre dei soldi per finanziare ciò che politicamente reputano opportuno. Forse anche per questo Matteo Renzi si sente ancora forte controllando il 90 % degli eletti romani che debbono a lui candidatura e l’ elezione.  Vien proprio voglia di dire: ma esiste ancora il Pd come partito? O è solo un ologramma? È solo un ologramma. Ed è difficile se non impossibile rifondare o riformare qualcosa che non esiste. Magari con uno sforzo di creatività? Io continuo nel vederla dura.  Ho massimo rispetto ed un certa ammirazione per il popolo che ha affollato lunedì la sala in via Baltea. Sento e leggo che il Pd vuole andare e deve andare oltre e mi chiedo: ma dove ? Importante è avere le idee guida, i valori presupposti del proprio agire politico. Indispensabili ma non sufficienti. Poi le idee hanno bisogno di persone che le portino avanti. Viceversa  le idee da sole sono suggestioni o peggio ancora astrazioni. Formidabili per professori universitari ma non sufficienti per chi ha l’ambizione di governare.Via Baltea si riempie di persone con gli inevitabili capannelli di commenti. Sergio Chiamparino e Carlo Bongiovanni si infilano il casco e spariscono in moto.Niente macchina di servizio. Cosi, naturalmente. Giorgis e Cuperlo raccolgono il plauso per una iniziativa ben riuscita. Ma il caso Matteo Renzi che ha portato ad una sconfitta epocale la sinistra (che vorrebbe andare oltre) non è stato neppure sfiorato. Altro che risolto. Andando avanti cosi non andranno da nessuna parte.
Patrizio Tosetto