Home » prima pagina » Il paesaggio è come un monumento che arricchisce la qualità della vita (e l’economia)
AMBIENTE E SVILUPPO: NEL 2014 SE SI CONSIDERA SOLO L'ITALIA IL "SISTEMA VERDE" HA FATTURATO 1.2 MILIARDI DI EURO E COINVOLTO 120.000 PERSONE

Il paesaggio è come un monumento che arricchisce la qualità della vita (e l’economia)

di ilTorinese pubblicato mercoledì 20 aprile 2016

ponte mole vittorioIl congresso è strutturato su sessioni tematiche, per approfondire le questioni emergenti nella pratica dell’architettura del paesaggio. Ciascun tema pone al centro il progetto di paesaggio e la sua funzione di rigenerazione nei confronti di contesti ambientali, economici, sociali, culturali, storici, artistici

 

Nel 2014 se si considera solo l’Italia il “sistema verde” ha fatturato 1.2 miliardi di euro e coinvolto 120.000 persone. Insomma, il paesaggio non soltanto migliora la qualità di vita, ma rende più attrattivi i territori favorendone lo sviluppo economico. Su queste basi ha preso il via al Lingotto di Torino il 53esimo congresso mondiale dell’Ifla: si tratta del più prestigioso appuntamento internazionale dedicato al paesaggio. “Il paesaggio è come un monumento e va trattato con la giusta tutela e impegno”, ha detto il sottosegretario ai Beni culturali, Ilaria Borletti Buitoni. La rappresentante del governo ha invitato gli oltre mille architetti presenti a stringere una “alleanza fortissima e proficua, allo scopo di incidere sul paesaggio senza umiliarlo”. All’apertura del congresso anche il sindaco Piero Fassinovalentinosecondo il quale “Il tema del territorio, della sua valorizzazione e difesa è centrale ed è giusto che questo congresso si svolga nella nostra città che in questi temi ha uno dei suoi pilastri”. Il Congresso mondiale IFLA  rappresenta un’occasione di particolare importanza per i professionisti del paesaggio provenienti dalle cinque Regioni IFLA, Africa, Americhe, AsiaPacifico, Middle East, Europa, e per quanti si occupano di paesaggio a diverso titolo, dai ricercatori e studiosi universitari ai politici, dai funzionari della pubblica amministrazione al mondo dell’associazionismo e delle organizzazioni non governative, alle imprese e aziende di settore. Per il nostro Paese, si tratta di un evento particolarmente significativo, che decorre a distanza di venti anni, da quando l’Italia ospitò a Firenze, nel 1996, il 33° Congresso mondiale della Federazione. Il tema perna foto mole mongolfierascelto per la 53ª edizione dell’IFLA World Congress è Tasting the Landscape, inteso come assaporare, gustare, provare: un significato che rimanda alla dimensione sensibile dei luoghi, invitando a non dimenticare  gli aspetti emozionali e percettivi del paesaggio Argomento di grande attualità, si collega a temi strategici per il futuro dell’umanità, oggetto dell’attenzione delle Nazioni Unite e dei governi di numerosi Paesi nel mondo. Il congresso è strutturato su quattro sessioni tematiche, per approfondire le questioni emergenti nella pratica dell’architettura del paesaggio. Ciascun tema pone al centro il progetto di paesaggio e la sua funzione di rigenerazione nei confronti di contesti ambientali, economici, sociali, culturali, storici, artistici.

(Foto: il Torinese)