Home » POLITICA » Il grande ingorgo
A noi Bugia nen non piace molto dare nell'occhio. Il Lombardo Matteo Salvini  non può capire appieno

Il grande ingorgo

di ilTorinese pubblicato venerdì 16 novembre 2018

STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto

La sottosegretaria Laura Castelli si è incaricata di mediare tra la Sindachessa e le organizzazioni sindacali favorevoli alla Tav, dopo che queste hanno rimandato al mittente la richiesta pentastellatata d’incontro. Ma la vedo dura.  Laura Castelli che sosteneva di non essere diventata Ministro perché la lobby del mattone non l’aveva voluta ( giuro, ha profferito testuali parole) Laura Castelli che si è sempre dichiarata fieramente anti Tav. Mediare vuol dire essere al di sopra delle parti.E qui per giunta le parti non hanno nulla da mediare. Tra un no e un sì non ci può esse il ni.  Ci tenta Giggino che sostiene che Tav non essendo iniziata non è tra le opere da completare. Parole in libertà.  I pentastellati vagano nel buoi più totale delle conseguenze dei loro atti. All’assessore Alberto Sacco non va meglio.  Anche Lui imparentato con il mondo imprenditoriale ha tutti i commercianti addosso.  Ha tentato di far riappacificare l’Appendino con il mondo industriale e del lavoro. Zero assoluto.

 

***

Viceversa Forza Italia e Chiampa vivono una nuova giovinezza. In Regione la mozione pro Tav spopola. Tajani sabato a Torino per incontrare gli imprenditori.Il Ministro francese imperversa e ci tiene nel precisare tutto é possibile ma solo all’interno delle scelte Europee. La Tav è un occasione per il lavoro in Piemonte,  ma non è solo dell Italia.  E Marco Grimaldi non ci sta. E sempre Chiampa, sornione: ce ne faremo una ragione. Con Liberi e uguali che non esistono più dimostrando che i matrimoni d’ interesse non funzionano. Il PD? Non ha neanche un segretario regionale che possa rilasciare dichiarazioni in proposito, non esistendo. E ciò che rimane del cosiddetto partito va dietro.  Chiampa va avanti solo con tante e tante liste civiche. Anzi continua a dire al Pd: meglio che vada avanti solo Io.  Vincerà? E’  dura, ma almeno se la gioca. Comunque é difficile che Salvini si lasci scappare l’ occasione di fare cappotto al Nord. Salvini, imperturbabile, che continua a salire nei sondaggi nonostante tutto e nonostante tutti. E i pentastellati sono in caduta libera.  Hanno osato troppo. Del resto non è una novità che Grillo si è montato un po’  la testa da un po’. E si sa, a noi Bugia nen non piace molto dare nell’occhio. Riservatezza è da sempre la parola d’ordine. Con un occhio verso oltralpe, con l’ ambivalente rapporto di odio ed amore con i cugini francesi.

 

***

Il lombardo Matteo Salvini  non può capire appieno. Poi c’è Bartolomeo Giachino oramai fuori gioco e ci sono le sette pasionarie che non vogliono mollare. Si presenteranno alle elezioni? Non penso, ma non si sa mai. Il rapporto tra classe politica e società civile c’ è e sempre ci sarà. Vanno di pari passo, ed i limiti di ciascuna si riversano sull’altra. Rapporto di complicità come di conflitto, come di confronto o di scontro. Ora ‘ impossibile è entrato in questo che è un non rapporto.  Potenza dei pentastellati. Chiara Appendino chiede confronto,Laura Castelli desidera mediare tra parti che non parlano la stessa lingua. Gli inviti sono sempre rispediti al mittente. Difficile se non impossibile trovare la quadra. Tra il massimo dei massimi il Ministro Toninelli.  Si inventa una galleria nel Brennero e sostiene che in Val di Susa non è stata scavata alcuna galleria: 25 km. Se hai la fortuna d’ incontrarlo che gli dici? Bella domanda. In  piazza Baldissera l’ ingorgo di una giornata di ordinaria Follia. Solo che non è pura follia. C’è voluta l’assessora La Pietra che chiede scusa alla città ma non si dimette perché non vuole fuggire. Insomma continua a fare danni. Appena insediati interrompono i lavori del passante perché vogliono più spazio per le piste ciclabili. Poi con una accelerazione inaugurano un pezzo di strada non pronta solo per motivi d’immagine. I risultati si sono visti. Gli apprendisti stregoni picchiano duro anche questa volta. Non gli rimane che prendersela coi giornalisti come i loro sodali romani. Ma chi è rimasto ore nell’ ingorgo non è contento. Come non lo siamo noi, abbastanza allibiti . La nostra città è un quadrilatero. Pensava di essere immune dagli ingorghi di Roma o di Napoli  Non c’ è limite al peggio. Ed io ho il terrore che se non voltiamo pagina il peggio non lo abbiamo  ancora raggiunto.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE