Home » Sport » Il grande basket visto dalla curva: Fiat Torino – Zenit San Pietroburgo
“Sembra quasi di essere tornati ad inizio anno anche se abbiamo perso un po’ il sorriso generale della squadra”

Il grande basket visto dalla curva: Fiat Torino – Zenit San Pietroburgo

di ilTorinese pubblicato venerdì 9 febbraio 2018

Sembra aprirsi uno spiraglio di luce in questo lungo tunnel oscuro che ha ammantato il mondo del basket torinese dopo la partita con lo Zenit.

Una partita persa, quindi, in teoria (e anche in pratica), non è sicuramente una nota così positiva, ma i segnali di risveglio sembrano essere buoni, e potremmo paragonarlo a quando dopo un’influenza con la febbre a 40° avere solo il raffreddore possa essere sintomo di miglioramento, ma non di piena salute. E così pare essere per la FIAT Torino, e dopo la febbre può cominciare la convalescenza.

E così   anche sugli spalti, dove nonostante il poco pubblico, chi c’era “è” un “vero febbrile” tifoso di Torino, chi critico chi ottimista ma comunque pronto a “patire” con la squadra le sensazioni di una serata che si spera possa essere di rinascita. “Finalmente una Torino che lotta, perde contro una squadra forte, ma lotta. La passione, la grinta e la voglia del coach si vedono eccome. I giocatori lo seguono e finalmente si sono tornate a vedere le ginocchia sbucciate per recuperare palloni a terra. Speriamo sia l’inizio della risalita!!!” . Questo è il commento di Simone dei Rude Boys che, tra l’altro, sottolinea ed ha una ragione assoluta, che l’allenatore del basket è il Coach e non il Mister, come nel calcio, e solo il basket ha il Coach ed è sempre stato un piacere per chi allena sentirsi chiamato così e credo che il nostro nuovo Coach Paolo Galbiati, e anche il suo co-head coach Stefano Comazzi (l’unico da sempre con Torino!) se lo meriti, anche solo per il coraggio dimostrato per prendere al volo un’occasione unica, ma comunque molto impegnativa. Da tutta la curva e non solo la sua volontà di fare da “collante” tra i giocatori, da sprone per ciascuno di loro è stata platealmente visibile ed apprezzata. Le emozioni vissute hanno fatto “sperare” nel miracolo sportivo dei primi due quarti dove la Fiat Torino ha rasentato la perfezione tattica, ma, come altre volte anche con squadre meno preparate dello Zenit, il terzo quarto ha presentato “il conto”, e la rimonta russa ha purtroppo avuto corso, e nel finale la stanchezza propria e la fisicità degli avversari hanno avuto la meglio anche se il risultato non è proprio giusto in termini di punteggio. Sicuramente la nostra squadra dovrà rivedere qualcosa in termini di preparazione fisica: visto che molti indizi danno una prova, l’arrivo sempre con difficoltà a fine partita deve essere un segnale di attenzione in previsione della fine dell’anno con tante partite che saranno “tirate” fino all’ultimo. “Sembra quasi di essere tornati ad inizio anno, anche se abbiamo perso un po’ il sorriso generale della squadra”, il commento da Francesco via mail che ha visto la partita dall’alto del Palaruffini, ed è chiaro che non sarà semplice ripristinare l’entusiasmo generale di poco tempo fa. Però dovrebbe essere chiara una cosa per tutti: gli errori sono commessi da chiunque e le colpe è raro che siano da un lato solo, ma rivangare sempre il passato non conduce altro che alla nostalgia e non porta alcun beneficio. Tutti coloro che si ritengono tifosi di questa squadra difficilmente dimenticheranno quanto successo, ma passare oltre è un dovere per continuare a sperare in un grande basket di livello altissimo nella nostra città. “La dirigenza ha fatto sicuramente qualche errore, così come i giocatori e anche gli allenatori, ma bisogna andare oltre: noi siamo qua per la maglia gialloblu, e non molleremo fino alla fine”; queste sono le parole di Giovanni poco prima della partita e i fatti hanno corrisposto agli intenti. E i tifosi di Torino hanno dimostrato un attaccamento alla maglia che poche altre squadre avrebbero incontrato in situazioni simili. E i giocatori sembrano rispondere. Ora, di giocatori, ne arriveranno altri due nuovi (e credo che meriterebbero di essere accolti con fiducia per sentirsi a “casa” e non sotto esame) e cambiamenti ce ne saranno anche in campo, ma è anche il bello della vita dove le novità creano sempre interessanti emozioni. A Torino ne abbiamo già “viste” tante in questi anni, e crediamo che se solo un po’ di buona sorte e una saggia condotta da adesso in avanti di tutto il “campo” e “fuori campo” ci accompagneranno, il finale di questa stagione potrà essere migliore di quanto oggi si pensi.

Paolo Michieletto

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE