Home » Sport » Il grande Basket visto dalla Curva: FIAT Torino – Morabank Andorra La Vella
Splendida l’idea delle sciarpe commemorative della serata numerate…saranno un ricordo splendido negli anni a seguire

Il grande Basket visto dalla Curva: FIAT Torino – Morabank Andorra La Vella

di ilTorinese pubblicato giovedì 19 ottobre 2017

Torino in Europa sembra uno slogan ormai abusato ma in questo caso è invece il classico gradito ritorno

Tra pareri contrastanti di persone che non credono nella competizione (temendo il troppo “lavoro” se così vogliamo intendere più che la partita in sé, il carico derivante dalla lungaggine dei viaggi e trasferimenti, che possa incidere sul rendimento in campionato) e tra coloro che invece credono che questo campo internazionale svilupperà sempre un miglior rendimento di qualità nella squadra, la FIAT Torino comunque vince e convince in questa seconda giornata. Come sempre queste pagine non raccontano la cronaca già ampiamente vissuta sulle pagine delle cronache sportive ufficiali e “linkate” da altri siti… .Qua lasciamo spazio alle opinioni a caldo di coloro che hanno vissuto la partita e regalano agli altri le proprie sensazioni, condividendole da tifosi e sportivi con tutti gli altri. Per iniziare, direi la mia, … che riguarda il controllo della partita da parte della panchina, che mi sembra veramente un cambio di registro importante rispetto agli ultimi anni. La gestione del timone in mano ad un comandante qualificato rende responsabili tutti e darà ad ognuno il proprio spazio. Saper cogliere le occasioni è importante in ogni mondo lavorativo e questi ragazzi sembra proprio abbiano compreso di dover sempre essere pronti: 5 10 20 30 minuti non importa, ma tutto al massimo. “Torino è bella e gioca bene… Che emozione vedere Okeke..così protagonista.. la sua giovane età.. la gioia più grande di questa serata… Proprio il piccolo grande David!” ci scrive Barbara, che da tifosa ha vissuto con emozione questo ritorno al basket europeo concretamente al punto da sentire quasi venire meno la voce per sostenere i colori di Torino, sottolineando la partita “entusiasmante” creata dal giovane neoazzurro della FIAT Torino. “Washington tornato ai suoi livelli di intensità è un piacere morale per tutti coloro che hanno sempre tifato per Torino e creduto nei suoi livelli di gioco su più piani”, ci dice Silvana rilevando l’assoluta “inefficacia” nei semplici numeri delle statistiche che non possono evidenziare tutto il lavoro “occulto” del nostro grande “spettinato”.

“Speriamo che non arrivino troppo stanchi alla fine del campionato, perché la coppa è bella ma io ci terrei di più allo scudetto”, ci dice Paolo dalla tribuna “televisiva”, e, fatti i debiti “toccamenti” di rito, speriamo proprio non accada… “Aux grande in Europa! Rimonta concreta ed efficace quando serve… Okeke mostruoso, potenzialità da giocatore di livello molto alto, e anche tutta la squadra.. con due grandi chicche… i crossover di Garrett (mamma mia!) e Sasha (Vujacic ndr) che si butta per terra rischiando di sbucciarsi le ginocchia (da un 2 volte campione NBA un grande esempio). Quest’anno ci siamo…eccome”. Questo il commento di Simone che come sempre riesce a vedere anche negli angolini delle partite. “Sono contenta perché Torino ha carattere, e non è mai morta, Torino non crolla mai, almeno fino ad adesso, e grazie al lavoro silenzioso di Deron Washington unito al grande compito svolto da tutti gli altri avremo sicuramente spazio per future soddisfazioni”, commenta Sabrina dalla balaustra. Sicuramente abbiamo tre star quasi consolidate: Patterson, Garrett, Mbakwe che non dovremo mai dare per scontati ma contenti di averli in squadra. Un “animale” da competizione quale pochi altri: Sasha Vujacic. Un campione senza bisogno delle mie parole, con uno sguardo da ragazzo che adora ciò che fa e adora il pubblico che a sua volta lo ricambia. Un vero guerriero, può anche sembrare non al massimo ma quando la gara si fa dura lui esce alla “stragrande”, e sembra proprio vivere per quei momenti! “Una squadra con tante figure eccellenti e tanti campioni “occulti”: Jones e Iannuzzi su tutti!” un commento dalla mail di Giovanni, e direi che non si può che essere d’accordo con lui. Jones è probabilmente molto più solido di quello che la situazione estiva avesse fatto sembrare e direi complimenti a chi l’ha scelto: non sono solo quelli delle altre squadre a guardare lontano, ma si sa, per qualcuno l’erba del vicino… . In sintesi… una squadra che ci sembra ben costruita e con tante armi ancora da rodare al meglio (vedi i nostri due eroi dell’altr’anno Valerione Mazzola e capitan Poeta), ma il percorso è ancora lungo e il tempo non mancherà a tutti per mettersi in mostra! GO AUX!

.

PS: splendida l’idea delle sciarpe commemorative della serata numerate…saranno un ricordo splendido negli anni a seguire per tutti coloro che le hanno acquistate e le terranno con cura nelle proprie bacheche!

Paolo Michieletto

Per scrivere su ilgrandebasketvistodallacurva: torinesesport@yahoo.com