Home » Sport » Il grande basket visto dalla Curva: FIAT AUXILIUM TORINO – DINAMO SASSARI
Lo sport senza tifosi è un film muto senza sottotitoli

Il grande basket visto dalla Curva: FIAT AUXILIUM TORINO – DINAMO SASSARI

di ilTorinese pubblicato martedì 10 ottobre 2017

La partita di sabato sera ha lasciato il segno nell’animo dei moltissimi tifosi torinesi che hanno nuovamente gremito gli spalti del Palaruffini: Torino sembra avere finalmente una squadra di ottimo livello come da anni oggettivamente non si vedeva tra le nostre mura

Le emozioni sportive sono già state raccontate più volte, e, come al solito, da queste pagine, proviamo a dare voce ai veri protagonisti delle partite: i tifosi. Sì, senza di loro le imprese dei giocatori resterebbero ignote a tutti e solo grazie alle emozioni di riflesso che il pubblico rimanda indietro in realtà esistono e resteranno nel tempo indelebili.

Personalmente ho due momenti che caratterizzerei come emblematici della partita di sabato sera, oltre ai dovuti “omaggi” a Sasha Vujacic e Lamar Patterson per la loro prestazione oltreché ad Mbakwe per la sua capacità di sembrare alto molto di più di quanto in realtà sia grazie ad uno strapotere fisico ed un talento cestistico fuori dal comune. Il mio pensiero va alla schiacciata in Alley hoop completamente “dimenticata” dai media più famosi di Patterson con suggerimento di Diante Garrett. Vista dal vivo è impressionante il cenno di intesa con gli occhi dei due giocatori che realizzano un’azione che solo in apparenza sembra scontata.

***

Il secondo è sempre di Garrett: se avrete occasione di rivedere la partita, guardate gli ultimi minuti e la faccia e i segnali del corpo di chiunque difendesse su di lui. Sembra incredibile, ma ogni tanto si vedrà il difensore che cerca di capire letteralmente dove sia finito Diante. Il suo muoversi è “bellissimamente inquietante”… E’ uno dei rari fenomeni “nascosti” che se Torino avrà la fortuna di proseguire ad alto livello del proprio cammino, renderà felici più di una volta! Stefania dal mondo Rude Girls dice “Sasha fa un altro sport… credo che quest’anno ci divertiremo” , e come non darle ragione. Intanto in faccia a Sasha è bene non “urlare” come fatto da Polonara perché stuzzicare l’asso sloveno non è intelligente e infatti la sua “vendetta” è stata immediata, e poi è un fenomeno di agonismo e abilità tecnica. Simpatico anche il siparietto per ascoltare cosa dicesse Stipcevic ad un suo compagno… Paolo dalla curva ci dice “Non credevo che fossimo così forti…” e noi speriamo che lo si realizzi anche nel prossimo futuro. Simone ci dice “Finalmente un Aux matura… L’anno scorso partite così le avremmo perse dopo aver buttato via un buon vantaggio. Bravi a riprendere in mano la partita. Su tutti, Sasha ovviamente, Patterson e Jones. Ma anche Trevor notevole. Buona difesa e il futuro non potrà che essere roseo… go aux!” Sabrina “E’ bello vedere Patterson e Vuvjacic gasati per la causa di Torino ed è bello che Torino dia spettacolo. Torino è una squadra che sa fare spettacolo e vincere in bellezza è ancora più esaltante.”

***

In realtà lo spettacolo non è solo dato dai giocatori che realizzano prestazioni monstre (Jones pochi minuti tanti punti e concretezza assoluta) ma anche da coloro che sembrano comprimari. Stephens entra nell’ultimo quarto ed effettua due stoppate di rara difficoltà soprattutto sui 2.11 di Planinic su tentativo di schiacciata e sembra tutto “normale”. Così come Deron ripaga la fiducia di coach Banchi giocando un finale perfetto. Tutti appaiono nei ruoli che di volta in volta dovranno saper interpretare: protagonisti, comprimari, gregari, star. Torino sembra pronta a fare il salto di qualità. In tutto questo il pubblico di Torino è parte attiva del successo, e se ne accorgono anche i giocatori, che in fondo non sono altro che giovanissimi ragazzi che vivono di emozioni. E il tifo torinese è talmente appassionato che ha più anime. Dal “Settore 208” riceviamo la notizia della nascita del “Club Auxilium Torino” e auspichiamo che sia foriero di splendido entusiasmo aggiunto ai successi della nuova Fiat Torino. Torino ha bisogno di sostenitori e di persone che amano il basket e soprattutto il basket di qualità. La forza della tifoseria deve sempre essere “ognuno con le proprie idee, ma le voci e gli applausi uniti per un unico obiettivo”, e se si saprà raggiungere un equilibrio, sappiamo che la diversità talvolta provoca un salto di qualità ulteriore. Torino ha vinto le prime due partite e per qualcuno… sarebbe bello che il campionato finisse qui… ma oltre all’ovvio scherzo è evidente che il percorso è appena iniziato.

***

E su queste pagine chi vorrà potrà apparire inviando in maniera “educata” una mail con i propri pensieri a torinesesport@yahoo.com . Lo sport senza tifosi è un film muto senza sottotitoli. La vostra voce è importante e la passione per i colori di Torino è sicuramente un fattore che potrà farsi valere per il prosieguo del campionato!

A presto!

Paolo Michieletto