Home » ECONOMIA E SOCIALE » Il fanatismo non perdona la ragazzina “fascista”
La famiglia di Giuseppina non era fascista e l'accusa rivolta contro la tredicenne di essere stata una spia dei tedeschi del tutto infondata

Il fanatismo non perdona la ragazzina “fascista”

di ilTorinese pubblicato sabato 16 settembre 2017
IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni

A Noli, in Liguria, il 30 settembre verrà inaugurata una lapide in ricordo di una tredicenne  di Savona , Giuseppina Ghersi, violentata   e uccisa da partigiani comunisti nei giorni successivi al 25 aprile1945.  Era solo  una bambina, nel 1945 le tredicenni erano solo bambine e non ebbe compromissioni  con il fascismo, se non per  aver scritto un tema su Mussolini . La famiglia di Giuseppina non era fascista e l’accusa rivolta contro la tredicenne di essere stata una spia dei tedeschi del tutto infondata. Venne rapata a zero, la sua testa venne dipinta di rosso , la sfigurarono con le percosse e poi venne ammazzata con un colpo alla nuca .Il padre di Giuseppina fece un esposto alla Magistratura qualche anno dopo il misfatto, ma non ottenne soddisfazione. Fu Gianpaolo Pansa a denunciare il crimine rivoltante avvenuto nel clima irrespirabile  di una guerra civile che continuò ben oltre il 25 aprile 1945. Ci furono episodi atroci che hanno provocato degli  odi che hanno invelenito l’Italia per decenni. Le atrocità vennero commesse da fascisti, tedeschi e da partigiani. Le motivazioni non giustificano nessuno perché certi crimini non possono essere motivati se non con la barbarie inumana che non è di destra né di sinistra, ma ha un’unica matrice nel ricorso alla violenza belluina.  A Noli ( e non a Savona dove il fatto, avvenne ) vogliono apporre questa lapide :”Anni sono  passati, ma non ti abbiamo dimenticata ,sfortunata bambina oggetto di ignobile viltà ” . 

***

Non ci sono riferimenti politici di sorta. Anzi, potrebbe persino essere considerato un testo reticente, ma certamente non di parte. Ma l’Anpi di Savona ha subito protestato vibratamente , denunciando nel cippo una strumentalizzazione politica. Il clima  creato da casa Pound da una parte e  ,dall’altra ,dalla proposta di legge Fiano sui reati di opinione in materia di apologia del fascismo   hanno determinato un ambiente  poco propenso a confrontarsi con franchezza e distacco critico  sul nostro passato dopo  oltre 70 anni. La sindaca di Forza Italia di Savona Caprioglio , prudentemente, si  e’ sfilata ,affermando come  si debba a guardare all’oggi e  non ad episodi di  decine di anni fa, pur denunciando, da donna ,da avvocato e da madre , l’abuso nei confronti di una bambina  avvenuto a Savona nel 1945.  Forse ha ragione la sindaca di Savona, ma forse questi episodi motivati da ragioni solo  apparentemente  politiche ,non potranno mai essere archiviati. Il testo proposto a Noli non offende nessuno e chi si oppone al ricordo di Giuseppina offende il buon senso  e  i più elementari  valori umani che proprio l’antifascismo ha affermato con la Resistenza  e che il nazifascismo ha sempre calpestato, spesso in modo sprezzante e persino orgoglioso. Che ci siano stati fatti bestiali durante e dopo la Liberazione non si può continuare a negarlo con una  stupida ipocrisia  che soprattutto i giovani non possono accettare.

***

Solo i parrucconi legati ad un loro orgoglioso e  pur legittimo passato  possono cercare di bloccare un processo di smitizzazione che è storicamente inevitabile, anzi e’ indispensabile per non continuare a  confondere il grano con il loglio . Anche contestualizzando storicamente l’episodio di cui fu vittima Giuseppina, come sempre va fatto, ogni tentativo di attenuare le responsabilità dei suoi brutali assassini appare inutile e grottesco. Gli eccessi di questo tipo  sono crimini contro l’umanità che vanno oltre la  stessa guerra civile che divise gli Italiani  e che appaiono  totalmente ingiustificabili  sotto ogni punto di vista. L’antifascismo vero non ha paura di aprire i suoi armadi perché non ha scheletri da nascondere. Solo chi ha nefandezze da occultare, può  motivatamente urlare allo scandalo di Noli per creare la confusione necessaria a  tentare, in verità  un po’ pateticamente, di  mascherare certe pagine nefande di storia .Chi ha addirittura scomodato Italo Calvino per alleggerire certe colpe, ha fatto un’operazione incredibile. Calvino non avrebbe mai accettato di coprire le belve che torturarono e uccisero Giuseppina . Quel cippo di Noli servirà anche a riflettere sulle violenze  e gli stupri che ieri, oggi ,e purtroppo, anche domani si commetteranno contro le donne e le bambine.  Al di là delle etichette politiche, dietro cui  i barbari  intendono nascondere la loro barbarie.  Il Vice Presidente Nazionale della FIVL, il savonese   Lelio Speranza , partigiano cristiano agli ordini di Martini Mauri, mi disse una volta che, ripensando a quell’episodio del 1945  , sentiva un voltastomaco che lo faceva  ancora soffrire e indignare. Speranza fu un vero e valoroso  combattente per la libertà ,ma soprattutto fu un uomo autentico e coraggioso.

.

quaglieni@gmail.com