Home » ECONOMIA E SOCIALE » Il Consiglio regionale al Salone del Libro
dal 9 al 13 maggio al Lingotto Fiere

Il Consiglio regionale al Salone del Libro

di ilTorinese pubblicato lunedì 29 aprile 2019

Un caleidoscopio d’incontri che spaziano dalle “fabbriche” di notizie e di banche dati presenti sul web alle piaghe del bullismo e del cyberbullismo, dal trentennale della Convenzione internazionale dei diritti dell’Infanzia al mondo delle fiabe, dalla cultura della legalità allo sport

E, ancora, uno sguardo sul mondo dei migranti, dei detenuti, dei malati e degli animali, nella convinzione che la cultura non contempli frontiere o linee divisorie ma le superi. Si preannuncia ricco e variegato il calendario di appuntamenti con cui il Consiglio regionale “si mette in gioco” alla XXXII edizione del Salone internazionale del libro, in programma dal 9 al 13 maggio al Lingotto Fiere di Torino.

Ai visitatori, cui sarà possibile conoscere l’attività legislativa e culturale dell’Assemblea piemontese attraverso le pubblicazioni in distribuzione allo stand istituzionale, in un’area condivisa con la Giunta regionale, sono aperti i quattordici appuntamenti che si svolgeranno nell’Arena Piemonte (al padiglione 2) e in Sala Argento (al padiglione 3).

L’informazione nell’era digitale

Si parte il 9 maggio all’Arena Piemonte con un approfondimento sul tema Le regole della disinformazione, particolarmente urgente in un tempo in cui è in atto un fiorire di fake news e il confine tra vero e verosimile si fa di giorno in giorno più sottile. Organizzato dal Consiglio regionale con il Corecom, vede la partecipazione di protagonisti della carta stampata e del giornalismo on line. A seguire, in Sala Argento, l’incontro Big data e società digitale per valutare possibili equilibri tra informazione digitale e diritto alla privacy, tra tutela della concorrenza e garanzia del pluralismo informativo.

Il mondo dei bambini fra diritti, timori e speranze

Una riflessione sul ruolo della fiaba come portatrice di messaggi e significati universali è offerto da Raccontami una favola (il 12 in Arena Piemonte) che vede testimonial d’eccezione leggere fiabe per grandi e piccini. L’evento si svolge in concomitanza con la mostra C’era una volta… Giocando con le favole, che s’inaugura l’8 maggio nella Galleria Spagnuolo di Palazzo Lascaris, e che riflette sul ruolo della fiaba quale portatrice di messaggi universali. Tra le colorate illustrazioni esposte, ideate da Massimiliano Frezzato, spiccano quelle che compongono la sezione “Dritto e rovescio”: una serie di carte realizzate per l’associazione Defence for Children in cui, attraverso gli occhi di Pinocchio, Frezzato riflette e fa riflettere sui diritti negati dei bambini e delle bambine in troppe parti del mondo.

 

Mettere al riparo i teen ager dai pericoli del bullismo e del cyberbullismo è invece l’obiettivo di una coppia di eventi dedicati rispettivamente ai minori e a chi si occupa di educarli. Il primo, I videogame: la favola del futuro (il 12 in Arena Piemonte), intende mettere in guardia gli adulti sulle possibili conseguenze di un’infanzia e di un’adolescenza troppo iperconnessa: dal cyberbullismo al sexting, dal gioco d’azzardo al ritiro sociale. Il secondo, Bulli a metà (il 10 in Arena Piemonte), prevede la trasposizione teatrale dell’omonimo film di Davide Mogna che offre una serie di “ricette” per vivere rapporti sani e sereni. Da segnalare, sempre in tema di minori, l’incontro Diritti per crescere: ascolto, istruzione, creatività e gioco (il 9 in Sala Argento), organizzato dalla Garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza in collaborazione con Unicef e Ufficio scolastico regionale per celebrare il 30° anniversario della Convezione sui diritti dell’Infanzia.

Nel corso dell’evento La costruzione di un bel futuro (il 10 in Arena Piemonte) gli studenti e le studentesse delle scuole superiori piemontesi che hanno concluso con successo i progetti di alternanza scuola-lavoro concordati con l’Assemblea legislativa riceveranno il sigillo di Ambasciatori e Ambasciatrici del Consiglio regionale. Saranno, inoltre, premiati i vincitori dell’edizione 2018-2019 del concorso scolastico sulla cultura della legalità e l’uso responsabile del denaro indetto dall’Osservatorio regionale sul fenomeno dell’usura. A seguire, la conferenza Io gioco ma non azzardo, sugli interventi messi in atto dal Comando regionale della Guardia di finanza contro gli illeciti fiscali, la criminalità economico-finanziaria, il gioco illegale, la contraffazione, le violazioni del diritto d’autore, l’uso e lo spaccio di stupefacenti.

A tutto sport

A pochi giorni dalla Partita del cuore, che si disputerà sul prato dell’Alleanz Stadium di Torino, il 12 maggio all’Arena Piemonte, alla presenza di una delegazione della Nazionale italiana Cantanti, si premiano i vincitori del concorso musicale Un cuore rap, bandito dal Consiglio regionale attraverso gli Stati generali dello Sport e del benessere e la Consulta giovani. Sempre di pratiche sportive si parla nell’incontro Street sport (il 13 all’Arena Piemonte), che propone una panoramica sugli “sport di strada” che, lontano da sponsor e ingaggi miliardari, richiedono un’elevata dose d’improvvisazione, spontaneità e creatività.

Gli incontri degli Organismi di garanzia

Tra i numerosi eventi si evidenziano ancora la presentazione della mostra fotografica Attraverso i nostri occhi (il 12 in Sala Argento), promossa dai Garanti regionali dei detenuti e dell’Infanzia e dell’Adolescenza che racconta “dall’interno” la realtà dell’hotspot di Samos, in Grecia, in cui i migranti vivono in una sorta di prigione a cielo aperto. Marcire in carcere? (il 10 in Sala Argento) è la provocatoria domanda che dà il titolo alla conferenza sul ruolo dei Garanti dei detenuti. Su Le leggi della dignità (il 12 in Sala Argento) riflette il Difensore civico regionale interrogandosi sulla contenzione dei pazienti non autosufficienti che, pur finalizzata a proteggere la persona, si configura come una privazione della libertà personale. In Non usate la frusta (il 10 in Sala Argento) il Garante regionale dei diritti degli animali prende infine in esame l’evolversi degli spettacoli circensi, che prevede una graduale dismissione dell’utilizzo di animali.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE