Home » POLITICA » Il Chiampa in soccorso di Matteo per gli “ultimi 250 metri”
Il 5 marzo forse capiremo di che morte morire. Con l' Europa attenta nel ricordarci che la stabilità economica dipende anche dalla stabilità politica con governi eletti

Il Chiampa in soccorso di Matteo per gli “ultimi 250 metri”

di ilTorinese pubblicato lunedì 26 febbraio 2018
STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto
Veramente un Matteo Renzi molto simpatico e in gran forma. Probabilmente non sarà sufficiente per l’affermazione elettorale del Pd, ma é già qualcosa per il partito di cui Renzi é segretario. Vuole essere al tal punto empatico che ha arruolato Toto’ per dire che gli avversari politici  sono inaffidabili.  Si, ha ammesso qualche errore, l’ ha fatto…che poi come dice il vecchio adagio chi non fa non sbaglia.  Gli altri? Blaterano solo. Ovviamente per il nostro Matteo nazionale. In particolare se la prende con il Berlusca. Sarcastico, sottolinea che è l’unico uomo che con l’età aumenta la crescita di capelli e che soprattutto continua nel firmare contratti che non onorerà  mai. Forse prepara il terreno per un possibile e successivo accordo. Ma il meglio del nostro arriva quando dice perentorio: anche a me questa legge elettorale non piace. Possibile rumoreggiamento della platea? Assolutamente no, anzi, lungo applauso. Rincuorato continua: molti collegi sono in forse. Bastava che D’Alema e soci non si mettessero in mezzo ed era fatta. Si governava senza senza ma per altri 5 anni. Non mi sembra, ma, come si diceva, contenti loro contenti tutti.
.
Il passaggio smarcante l’ha realizzato Sergio Chiamparino che é passato dal non so per chi votare ad un indispensabile votare pd per “mantenere aperta una prospettiva di sinistra”. Una via italiana alle riforme. Il Chiampa ( ui possiamo dirlo ad alta voce)  ha fatto un altro assist a Renzi. Parlare e convincere chi, sfiduciato, non ci vota più. In questo caso ha avuto meno fortuna e forse non sarà ascoltato nelle urne. Lui non demorde e continua a studiare da segretario nazionale del pd sempre più partito di centro con pochissima sinistra. Testimone Mimmo Caretta, segretario provinciale e lausiano della primissima ora, che trova una metafora sportiva: recuperare gli ultimi 250 metri vincendo le elezioni.
.
Si riferiva all’ultimo oro vinto dai fratelli Abbagnale, che hanno vinto tutto e non più giovani erano tra gli sfavoriti per il primo posto. Ma negli ultimi 250 metri allungano e sorprendono.  Cosi dopo Totò anche gli Abbagnale vengono in soccorso alla traballante filosofia politica dem. Con un Renzi che ripete: noi abbiamo fatto, gli altri solo parlato.. anzi straparlato. E raccogliendo un applauso: “basta vedere come i pasticci nei bilanci dell’Appendino hanno contribuito al buio in cui vive la vostra città”. Il 5 marzo forse capiremo di che morte morire. Con l’ Europa attenta nel ricordarci che la stabilità economica dipende anche dalla stabilità politica con governi eletti. E che nuove elezioni sono solo dannose.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE