Home » ECONOMIA E SOCIALE » Il Califfato in rotta
Ma i combattenti di Al Baghdadi e di Al Qaeda continueranno a colpire

Il Califfato in rotta

di ilTorinese pubblicato sabato 9 settembre 2017

FOCUS di Filippo Re

Si sbriciola sempre di più il Califfato nel Siraq, come un mosaico che va in pezzi, frantumato dalle continue offensive delle truppe protette dal cielo dai jet della coalizione internazionale. Almeno tre milioni di persone sono già state sottratte alla ferocia dell’Isis, liberate da un incubo durato oltre tre anni. Resta però in piedi il progetto jihadista di esportare ideologia islamista e conquiste altrove, come già avviene, nel resto del Continente asiatico, in Africa, e in Europa dove brigate di foreign fighters sono state addestrate per colpire con ogni mezzo. Il Daesh non è morto, concordano analisti ed esperti dell’Onu, e pur avendo perso l’unità territoriale del suo Califfato rimane una concreta minaccia militare. Cacciato dalle sue “capitali”, l’Isis fa ancora paura e si rifugia nelle nuove “province”, i wilaya che i miliziani del Califfo amministrano in varie parti del Medio Oriente e anche altrove, fino al sud-est asiatico. Qui ritrovano forza e brutalità per rinascere. Dopo Mosul, in Iraq è caduta anche Tel Afar, Deir Ezzor in Siria sta per essere ripresa, la roccaforte Raqqa è prossima alla capitolazione, le enclave jihadiste al confine con il Libano sono state smantellate, la continuità geografica dell’autoproclamato Califfato è solo un brutto ricordo. Gli uomini neri del califfo sono in rotta ovunque dopo aver perduto l’80% dei territori che controllavano in Iraq e il 60% di quelli siriani. Tel Afar era l’ultima cittadina irachena della provincia di Ninive occupata dall’Isis da tre anni. Per l’esercito del premier Al Abadi si tratta di una conquista importante poiché Tel Afar, situata tra Mosul e il confine siriano, è una località strategica nella regione nord-occidentale dell’Iraq. Come era già accaduto per la conquista dell’antica Ninive, anche a Tel Afar decine di migliaia di civili sono rimasti intrappolati in città tra due fuochi incrociati e molti di loro sono stati usati dai jihadisti come scudi umani. Ora le forze armate di Baghdad appoggiate da milizie sciite filo-iraniane puntano verso la cittadina di Al Ayadieh, a una ventina di chilometri a nord di Tel Afar, verso la frontiera siriana. Giorni contati per l’Isis anche in Siria. Il lungo assedio jihadista a Deir Ezzor, sul fiume Eufrate, nell’est della Siria, è stato spezzato dall’esercito governativo e dalle milizie alleate. Per tre anni i soldati del califfo hanno assediato la città difesa da una guarnigione fedele al presidente Bashar al Assad e i civili sono sopravvissuti all’accerchiamento grazie ai viveri

 (AP Photo/Osama Sami)

e ai medicinali lanciati dagli aerei di Damasco. Nei giorni scorsi l’esercito siriano, appoggiato da truppe russe e dai raid aerei, ha guadagnato terreno e sconfitto più volte i fondamentalisti islamici nella provincia di Deir Ezzor, ricca di petrolio e gas. Anche Raqqa è sul punto di crollare davanti all’avanzata di curdi e forze speciali americane. Gran parte della città è stata riconquistata dopo sanguinosi combattimenti casa per casa. Anche nella battaglia di Raqqa i civili pagano il prezzo più alto. Molti muoiono sotto le bombe, chi tenta di fuggire viene ucciso e tanti altri vengono usati come scudi umani. Testimoni oculari di varie organizzazioni umanitarie denunciano bombardamenti indiscriminati che distruggono case e ospedali. In un rapporto di Amnesty International si legge che da quando è iniziata l’offensiva verso Raqqa centinaia di civili sono stati uccisi o feriti dai colpi dell’artiglieria e sotto i bombardamenti della coalizione a guida americana. Cecchini, esplosivi e mine hanno completato il massacro. A sud di Raqqa avanzano anche le forze lealiste siriane, sostenute dai russi, che cercano di stringere in una morsa i jihadisti del Daesh. Mentre il Califfato vive la sua lunga agonia, i cristiani rimasti nelle terre dell’Eufrate e del Tigri si contano sulla punta delle dita. “Le guerre hanno decimato le popolazioni e la presenza cristiana è ormai ridotta a numeri decimali”. Le parole di padre Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, lasciano poco spazio alla speranza. Nel suo recente intervento al Meeting di Rimini l’ex Custode francescano di Terrasanta ha chiarito una volta per tutte che il Medio Oriente è una regione completamente frammentata e in Siria “la sfida più grande è convincere le persone a tornare e a rientrare nelle loro case ma le prospettive sono incerte, le vite sono da ricostruire e nulla sarà come prima”. L’Iraq risulta tra gli Stati dove il calo del numero dei cristiani è più marcato a causa delle continue guerre che hanno distrutto la nazione. Negli anni Novanta erano oltre un milione e nel 2006 appena 300.000. Nel 2014, in seguito all’occupazione della Piana di Ninive da parte dello “Stato islamico” i cristiani fuggiti nel Kurdistan iracheno, in Giordania, Turchia e Libano, sono stati circa 140.000 mentre altri 50.000 hanno abbandonato il Paese. In Siria, dilaniata dalla guerra civile che infuria dal 2011, la popolazione cristiana è precipitata da 2,2 milioni nel 2010 a 1,1 milioni quest’anno con centinaia di migliaia di cristiani che hanno lasciato il Paese. Le radici della Chiesa siriana sono profonde e sopravvivono grazie al coraggio e alle iniziative delle parrocchie locali, dei francescani, dei gesuiti, dei salesiani. Tutto ciò è importante ma non è sufficiente per padre Pizzaballa e “molti cristiani attendono di emigrare definitivamente come testimoniato da tanti giovani iracheni sfollati con cui ho parlato”. Molti di questi giovani hanno trovato un rifugio sicuro nel Kurdistan iracheno, accolti e sfamati dai curdi che hanno svolto un ruolo di primo piano nella liberazione del Siraq dal Daesh. E per la zona autonoma curda irachena si prepara la sfida del referendum per l’indipendenza del Kurdistan che dovrebbe svolgersi il 25 settembre, giorno in cui i curdi dovranno decidere se diventare o meno indipendenti da Baghdad. Il condizionale è d’obbligo perchè si tratta di un referendum che in realtà nessuno vuole poiché stravolgerebbe i già fragili equilibri geopolitici del Medio Oriente e accenderebbe le aspirazioni all’indipendenza dei curdi che vivono nei Paesi limitrofi. Non lo vogliono la Turchia, l’Iran, il governo iracheno e gli stessi curdi sono tra loro molto divisi e anche contrari alla consultazione. Non lo vogliono neppure gli Stati Uniti che premono per il rinvio del referendum. Ma se il Califfato in Siria e in Iraq è ormai allo sbando, i combattenti di Al Baghdadi e di Al Qaeda continueranno a colpire, dal Maghreb al Sahel, dal nordAfrica all’estremo Oriente attraverso l’Afghanistan e l’Asia centrale con l’obiettivo di realizzare nuove versioni del Califfato e iniziare un’altra stagione di sangue, odio e violenza.

(Filippo Re – da “La voce e il tempo”)