Home » Brevi di cronaca » Il “Bruno Carli” a Riccardo Gatti
domenica 22 Aprile 2018 – ore 15

Il “Bruno Carli” a Riccardo Gatti

di ilTorinese pubblicato venerdì 20 aprile 2018

Da parte della ong Proactiva Open Arms alla ribalta delle cronache internazionali per il sequestro di una nave utilizzata per il salvataggio in mare di migranti


Palazzo delle Feste Piazza Valle Stretta 1 BARDONECCHIA  Ingresso gratuito

Sarà presente Cecilia Strada che presenterà il suo libro “La guerra tra noi” e ci sarà una incursione teatrale dei Black Fabula, gruppo della compagnia Fabula Rasa composto da giovani africani richiedenti asilo

Tra il 12 ed il 26 aprile 2018 si svolge la XXII edizione del Valsusa Filmfest, festival poliartistico con una struttura consolidata che prevede, oltre alla proiezione delle opere cinematografiche in concorso, anche numerosi eventi a cavallo tra letteratura, cinema, musica, teatro, arte ed incontri su temi di libertà e diritti per “Fare Memoria”, tema di questa edizione e legato alla necessità di mantenere memoria, oltre che di eventi del passato, anche di eventi di un recente presente che, sempre più veloce e divoratore di informazioni, priva le nuove generazioni di un tempo e di un sapere comune e condiviso. Domenica 22 aprile alle ore 15 al Palazzo delle Feste di Bardonecchia verrà consegnato il PREMIO BRUNO CARLI a RICCARDO GATTI. In un incontro in cui si parlerà di solidarietà nei confronti di chi fugge dal proprio Paese a causa di guerre, persecuzioni o impoverimento, sarà presente CECILIA STRADA che presenterà il suo libro “La guerra tra noi” e ci sarà un’incursione teatrale dei Black Fabula, gruppo teatrale della compagnia Fabula Rasa composto da giovani africani richiedenti asilo. Il Filmfest in ogni edizione ricorda la figura di Bruno Carli, partigiano e presidente dell’associazione Valsusa Filmfest fino al 2002, con l’omonimo premio che viene destinato ad esponenti di realtà impegnate in difesa dei diritti e dell’ambiente. Riccardo Gatti è portavoce e capomissione di Proactiva Open Arms, ong spagnola impegnata nei salvataggi nel mar Mediterraneo che pochi giorni fa ho ottenuto il dissequestro di una nave che la Procura di Catania le aveva bloccato il 17 marzo scorso a Ragusa, dove erano arrivati portando 218 migranti salvati a largo delle coste libiche.
Riccardo Gatti e la ONG che rappresenta, attivi dal luglio 2016 per rispondere a un bisogno che le istituzioni europee non sanno gestire, fino ad oggi ad oggi, dopo 37 missioni coordinate dalla Guardia Costiera italiana, hanno contribuito a trarre in salvo più di 18.000 persone. Cecilia Strada, figlia di Gino e di Teresa Sarti, è nata nel 1979 a Milano, da sempre si occupa di promuovere una cultura di pace e rispetto dei diritti umani e per otto anni è stata presidente di Emergency.
Nella quarta di copertina del libro “La guerra tra noi” si legge “Sono andata lontano per capire quello che succede qui”. L’autrice racconta il dietro le quinte del drammatico fenomeno delle migrazioni umane e quello che succede a casa di chi, nel pieno della disperazione, decide di salire su un barcone alla volta di un Paese straniero, scagliandosi contro coloro che danno la colpa del nostro impoverimento a chi fugge da guerre e carestie. I Black Fabula sono una formazione di teatro danza nata nell’aprile 2015, diretta da Beppe Gromi, composta da giovani richiedenti asilo provenienti da Costa d’Avorio, Gambia, Guinea Conakry, Burkina Faso, Mali e sostenuta dalle Associazioni Fabula Rasa Onlus-Progetto Teatro Senza Confini, da M.O.V. Moderne Officine Valsusa e dal Comune di Almese che nel gennaio 2015 ha accolto 51 richiedenti asilo. Il laboratorio teatrale comincia a marzo 2015 e a ottobre inizia il percorso di formazione con la danzatrice e coreografa di danza contemporanea Debora Giordi e, finalmente, lo spettacolo “Dove Cielo Tocca Mare” debutta il 9 gennaio 2016 nella rassegna Camaleontika,  organizzata in collaborazione con la Fondazione Piemonte Live e il Comune di Almese.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI DEL FESTIVAL
Il XXII Valsusa Filmfest proseguirà sino al 26 aprile con la proiezione delle opere selezionate per la fase finale del concorso cinematografico anche in tre carceri (Fossano, Scampia e Poggioreale) ed altri eventi. Particolarmente ricca la giornata del 25 aprile con un incontro al quale parteciperà Letizia Battaglia ad Avigliana in ricordo di Peppino Impastato a partire dalle ore 16 ed il concerto serale di Saba Anglana, al Teatro Magnetto di Almese alle ore 21, insieme a Fabio Barovero e ad altri musicisti.
Maggiori informazioni in www.valsusafilmfest.it