Home » ECONOMIA E SOCIALE » IDeA Taste of Italy investe in Lurisia a fianco di Eataly
Lurisia è stata protagonista del lancio di una linea di bibite naturali ispirate alla tradizione italiana (chinotto tonica e aranciata)

IDeA Taste of Italy investe in Lurisia a fianco di Eataly

di ilTorinese pubblicato lunedì 9 gennaio 2017

lurisia-acquaIDeA Taste of Italy, primo fondo di private equity italiano specializzato nel settore agroalimentare, gestito da IDeA Capital Funds SGR (società del Gruppo DeA Capital), ha perfezionato un investimento in Acque Minerali S.r.l., società produttrice di acqua minerale e bibite a marchio Lurisia. Il fondo ha acquisito una quota pari al 33% di Acque Minerali S.r.l., entrando in partnership con la famiglia Invernizzi Eataly, che aveva a sua volta investito in Lurisia nel 2004. Lurisia è un brand noto nel mercato italiano dell’acqua minerale e delle bibite grazie al posizionamento premium, alla qualità del prodotto e alla capacità di innovazione.

Nel 2008 è stata la prima acqua minerale a presentare una bottiglia di vetro di design “Bolle e Stille” dalla caratteristica forma a campana. Nello stesso anno, Lurisia è stata protagonista del lancio di una linea di bibite naturali ispirate alla tradizione italiana (chinotto, gassosa, tonica e aranciata) prodotte con materie prime di alta qualità protette dal presidio Slow Food. Lurisia è presente nel mercato USA dal 1992 e oggi esporta in tutti i cinque continenti.

L’ingresso di IDeA Taste of Italy nel capitale di Acque Minerali S.r.l. permetterà alla società di accelerare la crescita raddoppiando i volumi di acque minerali, posizionando Lurisia come acqua di riferimento per la ristorazione di fascia alta e affermando la propria leadership nel mercato delle bibite di qualità in Italia e all’estero, dove Lurisia accompagnerà ogni apertura dei nuovi punti vendita Eataly. A supporto di tale progetto di sviluppo è pianificato un importante programma di investimenti per il potenziamento dello stabilimento di Roccaforte Mondovì.

***

Paolo Ceretti, Amministratore Delegato di IDeA Capital Funds SGR S.p.A., ha dichiarato: “Siamo felici di poter lavorare a fianco di Eataly e della famiglia Invernizzi per contribuire alla crescita del brand Lurisia – sinonimo dell’eccellenza del Made in Italy – in Italia e nel mondo. In particolare, ci fa piacere che questa operazione avvenga successivamente al final closing del fondo IDeA Taste of Italy a Euro 218,1 milioni, abbondantemente sopra al target di raccolta inizialmente fissato ad Euro 200 milioni.

Questo risultato è stato ottenuto grazie all’attrattività del settore agroalimentare italiano, dimostrata dalla fiducia accordataci per questo progetto da importanti investitori istituzionali italiani ed esteri, nonché da numerosi imprenditori di successo (del settore e non)”.

Oscar Farinetti, Presidente Onorario di Eataly S.r.l., ha dichiarato: “Con questa operazione vogliamo dimostrare il grande potenziale di crescita di Lurisia. Vogliamo crescere e vogliamo preservare le caratteristiche di esclusività del marchio e della selettività della distribuzione a livello davvero globale. Pensiamo che questa nuova collaborazione farà bene a tutti”.

Alessandro Invernizzi, Amministratore Delegato di Acque Minerali S.r.l., ha dichiarato: “Con l’ingresso di IDeA Taste of Italy, Lurisia compie un ulteriore passo nel percorso di consolidamento della posizione di leader di valore e innovazione del suo mercato. Questo nuovo assetto societario, caratterizzato da una forte visione imprenditoriale ma strutturato con un nuovo assetto manageriale, garantirà a Lurisia la capacità di raggiungere gli importanti obiettivi di crescita che ci siamo dati. Tre soci, con cuore italiano ma con caratteristiche e competenze diverse, che sommate faranno la differenza”.

IDeA Taste of Italy è stata assistita nell’operazione dall’avvocato Fabio Cappelletti e dall’avvocato Tommaso Caciolli dello studio legale Hi.lex e da Emanuela Pettenò di PricewaterhouseCoopers; Eataly S.r.l. è stata assistita dall’avvocato Alfredo Craca di 5 Lex e la famiglia Invernizzi è stata assistita dall’avvocato Donato Quagliarella e dall’avvocato Alberto Agnelli dello studio Quagliarella & Associati.