Home » ECONOMIA E SOCIALE » I vincitori di Hangar Point
patrimonio di competenze e specificità

I vincitori di Hangar Point

di ilTorinese pubblicato sabato 30 giugno 2018

Selezionati i 15 vincitori della VI call di Hangar Point, il bando promosso dall’Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte e coordinato dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, rivolto alle associazioni di promozione culturale e sociale e per la prima volta anche ai Comuni.

Ecco i nomi: Articolo 9 (Torino), Associazione Culturale Banda Larga (Torino), Associazione Dignità e lavoro Cecco Fornare Onlus (Borgomanero, Novara), Associazione Mamre Onlus (Borgomanero, Novara), Associazione Culturale Noau (Borgo San Dalmazio,Cuneo), Associazione Onda Teatro (Torino), Associazione Storie di Piazza (Bioglio, Biella), Associazione Turismo in Langa (Alba, Cuneo), Associazione Culturale Wild (Borgosesia, Vercelli), Comune di Casale Monferrato (Alessandria) per Momu Musei, Comune di Novello (Cuneo) per Novelab, EGA – Casa Editrice Gruppo Abele (Torino), Fondazione Cosso (San Secondo di Pinerolo, Torino), Fondazione Mutuo Soccorso (Torino), Museo del Paesaggio (Verbania).

 

Al suo quarto anno di vita Hangar Point, pensato per associazioni legalmente costituite, fondazioni, associazioni di promozione sociale, Ong, le Onlus e Onlus di diritto, cooperative e le cooperative sociali, imprese sociali e start up innovative a vocazione sociale, è diventata un’opportunità anche per i Comuni e le realtà istituzionali che fanno riferimento a enti pubblici, quali i musei civici e le biblioteche. Il progetto prevede, come sempre un programma di affiancamento di quattro mesi, a cura di  un team di esperti, sulle seguenti aree strategiche: project management,comunicazione strategicaconsulenza aziendale e fundraising insieme audience development, per imparare ad allargare e differenziare i target di pubblico, strategie di innovazione, per individuare prodotti, strumenti e metodologie che aiutino a innescare processi innovativi, e marketing territoriale, per individuare e valorizzare le potenzialità che possono contribuire allo sviluppo del proprio territorio.  Nei successivi due mesi è previsto un monitoraggio dell’attività. E questo è ciò a cui avranno diritto le quindici realtà piemontesi che sono state selezionate dalla VI call e che per distribuzione geografica e campo d’azione, secondo gli organizzatori, sono valido esempio della ricchezza e delle potenzialità del Piemonte in ambito culturale.

***

Articolo 9, di Torino è un’impresa sociale che soprattutto attraverso la gestione del Teatro Le Musichall cura progetti di utilità sociale e culturale, Banda larga, gestisce dal 2013 a Torino, Radio Banda Larga e dal 2017 è attiva anche a Berlino (Banda Larga Berlin), Dignità e lavoro Cecco Fornare, a Borgomanero (Novara), si distingue, in particolar modo per la realizzazione del Festival della dignità umana, Mamre, nata a Borgomanero nel 1996 svolge un servizio di accoglienza per donne e bambini finalizzato all’inserimento sociale, Noau, di Borgo San Dalmazio (Cuneo), riunisce operatori impegnati nella progettazione culturale, l’audience development, il marketing culturale, Onda Teatro, a Torino, dal 1996, si occupa di produzione, formazione e diffusione di progetti teatrali, con un’attenzione particolare alle aree più disagiate del tessuto su cui opera. Ci sono poi realtà come Storie di Piazza, di Bioglio (Biella) che rivisita la tradizione e la contemporaneità popolare per produrre teatro, danza, musica e arte visiva in spazi urbani di socialità o Turismo in Langa, attiva ad Alba (Cuneo) dal 1988, che promuove proposte culturali per i turisti e i residenti nel territorio di Langhe e Roero, Wild, di Borgosesia (Vercelli) che mira a valorizzare la Valsesia coniugando attraverso ambiente e cultura, alla ricerca di uno sviluppo sostenibile (“Sogni di pietra”, il concorso nazionale di poesia “La Pietra di Sogni”, la rassegna MusicAltura sono alcuni dei loro progetti). Hangar Point per il Comune di Casale Monferrato (In provincia di Alessandria) sosterrà il progettoMomu Musei: il territorio si è dotato, infatti, di una rete di otto musei che collaborano e che hanno dato vita ad una tessera che consente al visitatore di accedere per un anno alle attività degli otto enti collegati. Per il Comune di Novello (Cuneo), il focus sarà su Novelab progetto già vincitore del bando “Giovani RiGenerazioni Creative” per i Comuni sotto ai 1000 abitanti. Fra i vincitori anche la EGA, la casa editrice del 1983 del  Gruppo Abele, nato a Torino nel 1965 per condividere e rispondere alle situazioni di emarginazione. Per la Fondazione Cosso di San Secondo di Pinerolo, a  Torino, l’obiettivo è quello di consolidare il ruolo del Castello di Miradolo e del suo Parco Storico quale polo culturale del territorio, per la Fondazione Mutuo Soccorso di Torino l’idea è invece quella di tutelare il patrimonio storico, sociale e culturale delle Società di Mutuo Soccorso organizzando mostre e convegni, realizzando studi e ricerche storiche, per il Museo del Paesaggio di Verbania, infine, attiva fin dal 1909 la finalità è quella di promuovere la conoscenza e tutela del paesaggio e dei beni artistici del Lago Maggiore avendo raccolto un’importante collezione di opere d’arte (pittura, scultura) e un consistente fondo fotografico. L’idea di Hangar è che tutto questo prezioso patrimonio di competenze e specificità possa essere potenziato per queste realtà che già svolgono un’importante funzione di collante e sviluppo sociale attraverso la cultura.

 

Info info@hangarpiemonte.itwww.hangarpiemonte.it