Home » prima pagina » I No Tav tornano in piazza a Torino e Chiomonte
MANIFESTAZIONI IN CENTRO CITTA' E AL CANTIERE DELLA TORINO-LIONE

I No Tav tornano in piazza a Torino e Chiomonte

di ilTorinese pubblicato sabato 22 novembre 2014

no tav locandinaIl movimento chiede la liberazione dei quattro attivisti in carcere alle Vallette per terrorismo

 

Due manifestazioni no Tav oggi pomeriggio,  una a Torino in piazza Castello e la seconda al cantiere di Chiomonte. Alle 15 dalla piazza torinese è partito un corteo per denunciare quelle che gli attivisti contro la Torino-Lione definiscono le “bugie del governo” sui costi dell’opera e sui fondi europei. I No Tav, inoltre, chiedono la liberazione dei quattro attivisti in carcere alle Vallette per terrorismo.

Il corteo ha visto la partecipazione di un migliaio di persone è  si concluso con l’incendio di un finto compressore: un messaggio simbolico rispetto all’accusa di terrorismo rivolta ai quattro anarchici, simpatizzanti No Tav, accusati dell’assalto al cantiere della Torino-Lione in cui un compressore venne bruciato. Sul finto compressore dato alle fiamme c’erano i nomi di alcuni imprenditori valsusini che lavorano per  realizzare la Tav.

 

Ecco cosa scrive il sito notav.info a proposito della manifestazione:

 

“Il 14 novembre è stata formulata la richiesta di 9 anni e 6 mesi di reclusione per i NOTAV Chiara, Claudio, Mattia, Niccolo’, in carcere dal 9 dicembre scorso con l’accusa di terrorismo, per un atto di sabotaggio, incendiando un compressore, anche se la Cassazione ha già escluso si possa parlare di terrorismo. A dicembre sarà emessa la sentenza. Altri tre compagni sono in carcere per lo stesso episodio, in attesa di giudizio.A gennaio, invece, verrà emessa la sentenza del Maxiprocesso ai 53 No Tav per i fatti del 27 giugno e 3 luglio 2011, date storiche della lotta No Tav, in cui sono state richieste condanne per un totale di quasi 200 anni di reclusione e più di due milioni di euro per danni a persone, cose e “all’immagine dello Stato italiano”!”

 

Partendo da queste premesse il movimento ha invitato attraverso il web a partecipare alle manifestazioni.