Home » Brevi di cronaca » I “sì” e i “no” di Appendino
Quando si è all' opposizione possono essere sufficienti i no. Non quando si governa

I “sì” e i “no” di Appendino

di ilTorinese pubblicato domenica 8 ottobre 2017
STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto
Non credevo a ciò che stavo leggendo.  Per la prima volta l’importante testata giornalistica torinese ha ospitato un commento particolarmente negativo nei confronti dell’ operato di Chiara Appendino.  Lecito il mio stupore.  Eppure la nostra dolcissima Sindachessa e’ figlia della più rinomata borghesia torinese. Robusti rapporti e anche parentele con esponenti del bel mondo industriale.  Non è una novità che almeno una parte la ha appoggiata alle elezioni.  Poi di Chiara…fede Juventina, il che non guasta in una città che “deve molto alla famiglia Agnelli”. Ed ora si sprecano i commenti.  I poteri forti l’hanno mollata.  Francamente io non me ne intendo di Massoneria o poteri occulti.  Atteniamoci ai fatti. Il G7 andando a Venaria ha dato un colpo alla credibilità internazionale di Torino. Soprattutto è stata un’occasione mancata per i nostri imprenditori.  Il vicesindaco Montanari rivendica il suo essere di sinistra. Io aggiungo di estrema sinistra.  Ho avuto modo di ascoltarlo ultimamente.  Io sono non solo per i no, ma anche per i sì. Ho capito quali sono i no, ma francamente non ho capito quali sono i sì. Soprattutto quelli che attraggono investimenti produttivi nella nostra città. Persino il Chiampa ha capito che Fiat e Marchionne stanno facendo i furbi e sono disinteressati alla  città. TNE proprietaria di Mirafiori è in concordato preventivo. Anticamera al fallimento o liquidazione. Costituita una dozzina di anni fa avrebbe dovuto rilanciare l’attività produttiva. Milioni di euro pubblici buttati via. Ora ci saranno un centro commerciale coop e  una società per il design, bassissima l’occupazione. Ovviamente questa giunta non è responsabile di tali non politiche e forse il treno dello sviluppo è già passato ma teorizzare la cosiddetta decrescita felice mi sembra molto azzardato.  E ci risiamo. Quando si è all’ opposizione possono essere sufficienti i no. Non quando si governa. In passato ci siamo permessi di dirlo. Governare vuol dire scegliere e non mi sembra che questa giunta brilli per scelte. Parliamoci chiaro, sta vivacchiando. Poi subentra una falsa coscienza della realtà.  Dice Chiara: non è vero che Torino è in declino. Scusate? Ne siete voi i notai teorizzando appunto la decrescita felice . Siete voi che accettare il declino con la parola felice dandone una accezione  positiva.  Intanto cresce la povertà. Cresce l’accattonaggio.  Una vostra giustificazione è continuare nel chiamare in causa chi vi ha preceduti. Ma voi dove volete andare, dove state andando? Ho paura che manco voi lo sappiate. Prima forse scelte sbagliate, dipende dai gusti, ma sempre scelte. Ora l’inerzia e l’incapacità di cogliere le occasioni. Diremmo la mazzata finale. Ora sono proprio pessimista.