Home » vetrina9 » I girasoli di Mario Mazza
La sua è una presa diretta della realtà che non tiene conto di riferimenti letterari a cui tanti pittori non hanno saputo resistere

I girasoli di Mario Mazza

di ilTorinese pubblicato lunedì 16 luglio 2018

La campagna piemontese che si sta ricoprendo di un giallo manto di girasoli attrae, come ogni estate, l’attenzione di Mario Mazza pittore calabro-monferrino sensibile ad ogni manifestazione della natura mentre si trasforma di stagione in stagione.

Al posto delle ovattate e silenti nevicate invernali, delle prime timide fioriture primaverili ora ad interessarlo è la calda vitalità e l’opulenza di questi fiori che sembrano rincorrere ininterrottamente il sole dall’alba al tramonto. Con una fresca immediatezza affine all’impressionismo, Mazza non perde mai il senso della realtà e, con abilità compositiva e coloristica, ritrae oggettivamente ciò che il suo occhio vede senza idealizzarla, assolutamente libero da condizionamenti culturali.

La sua è una presa diretta della realtà che non tiene conto di riferimenti letterari a cui tanti pittori non hanno saputo resistere creando atmosfere che riportano al mito, ricordato nelle “Metamorfosi” di Ovidio, della ninfa Clizia trasformatasi in fiore dopo aver seguito per molti giorni con lo sguardo gli spostamenti del sole trasportato in carro da Apollo che disdegnava il suo amore.

E neppure tratta i girasoli come omaggio o come asservimento al complesso simbolismo di Vincent Van Gogh e di Paul Gauguin o allo splendente decorativismo di Gustav Klimt, artisti che pure egli adora ma di cui non vuole disturbare l’assoluta inimitabile grandezza: gli basta essere se stesso e dichiararsi sincero e puro cantore della bellezza della natura che gli si offre generosamente come meravigliosa occasione d’arte che egli coglie a piene mani con grande maestria tecnica e stilistica.

Giuliana Romano Bussola

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE