Home » Brevi di cronaca » I cittadini di Aurora hanno presentato più di 430 firme per chiedere un Consiglio aperto
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

I cittadini di Aurora hanno presentato più di 430 firme per chiedere un Consiglio aperto

di ilTorinese pubblicato giovedì 9 novembre 2017

I residenti sono esasperati e non sono più disposti a tollerare una situazione che ogni giorno si fa più difficile.

C’è la necessità  di avviare un progetto di riqualificazione a 360° che dovrà  necessariamente coinvolgere più ambiti con inevitabile intervento della Pubblica Amministrazione. I cittadini elettori della Circoscrizione 7 hanno raccolto più di 430 firme per chiedere un Consiglio aperto con il Sindaco e Assessori comunali competenti . Ricordo che l’Art.9 comma 4  del regolamento della Circ.7 cita:” Il Presidente del Consiglio circoscrizionale è tenuto a riunire il Consiglio in un termine non superiore a venti giorni quando lo richiedono 5 consiglieri o almeno 150 elettori della Circoscrizione 7. Prima avevo provato raccogliere le firme di 5 consiglieri, ma ne ho ottenute solo 4 del Centrodestra. Le firme non sono state raccolte da Comitati e Associazioni di zona ma da cittadini semplici. Tra le tante situazioni problematiche  c’è anche la richiesta di sapere se e quando il Barattolo si sposterà  da Canale Molassi-San Pietro in Vincoli. In una interpellanza che presenterò nel Consiglio del 27 novembre 2017  sono riassunti punti di criticità e proposte che spero vengano votati all’unanimità  dai consiglieri.

Patrizia Alessi (FdI)

Consigliere Circoscrizione 7