Home » LIFESTYLE » Hockey in carrozzina elettrica, a Chivasso il trofeo “Gabriele Fantino”
Su iniziativa della sezione Uildm

Hockey in carrozzina elettrica, a Chivasso il trofeo “Gabriele Fantino”

di ilTorinese pubblicato martedì 30 giugno 2015

chivasso hockey

Una splendida giornata di sport e soprattutto di festa, che si è vissuta nella centrale piazza d’Armi

 

Chivasso, sabato scorso 27 giugno, è stata teatro della quinta edizione del trofeo di hockey in carrozzina elettrica, “Gabriele Fantino”, organizzato  dalla sezione Uildm. La vittoria è andata al Magic Torino che, così, ha riportato il titolo in terra subalpina dopo quattro anni, superando nella finalissima per 5 – 2 i liguri del Blue Devils di Genova.Terzo posto agli Sharks Monza (squadra B) che, pur privi del loro campione Mattia Muratore, nella “finalina” hanno battuto 2-0 i Dragons Grugliasco (lo scorso anno, i “dragoni” furono finalisti). Tra i giocatori scesi in campo per gli Shark Monza anche il portiere della nazionale azzurra Simone Bettineschi ed il tecnico nella nazionale Pietro Ravasi.


Questa l’essenziale cronaca sportiva di una splendida giornata di sport e soprattutto di festa, che si è vissuta nella centrale piazza d’Armi di Chivasso, con la partecipazione di quattro squadre motivate a dare il meglio di sé in un torneo che ogni anno sta assumendo sempre maggiore importanza nel panorama sportivo del dopo campionato, terminato a metà maggio con la finale scudetto a Lignano Sabbiadoro.  Il bel tempo ha favorito il successo della manifestazione, in memoria del giovane distrofico di Villaregggia, Gabriele Fantino, mancato nel 2011 all’età di appena 15 anni durante un intervento chirurgico. Ben sei gli stand allestiti nella piazza d’Armi, per riparare dal sole le squadre ed il loro accompagnatori, per mostrare il sontuoso trofeo ed i vari premi in palio e per la cabina di regia del canale di Sky 879 “W l’Italia Channel” (che manderà in onda in differita la cronaca dell’evento, in prima serata, in una data che verrà presto definita).

Massimo Iaretti