Home » POLITICA » Grimaldi (SI-LeU): “Per la fecondazione assistita il Piemonte comprerà ovociti dall’estero”
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Grimaldi (SI-LeU): “Per la fecondazione assistita il Piemonte comprerà ovociti dall’estero”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 18 aprile 2018

“La storia di una giovane coppia dà voce a chi attende da anni una risposta dalla Sanità”

 

L’Assessore Saitta ha risposto all’interrogazione urgente del consigliere di LeU Marco Grimaldi su un caso di negazione dell’accesso e della copertura, da parte della Sanità Piemontese, per un intervento di fecondazione eterologa.

 

Marta e Giulio sono i nomi fittizi di una giovane coppia accomunata da una disabilità che, nel caso della donna, si accompagna a una patologia, la sindrome di Turner (ovaie nastriformi senza follicoli antrali), la quale non le consente di affrontare una gravidanza. La coppia ha dunque deciso di ricorrere alla fecondazione eterologa.

 

In Piemonte, tuttavia, non ci sono al momento centri pubblici che pratichino questo tipo di trattamento, a causa della mancanza di donatrici e donatori (i centri sarebbero il Sant’Anna di Torino, il Maria Vittoria di Torino e l’ospedale di Fossano). Nell’Italia centro settentrionale vi sono 2 o 3 centri con liste d’attesa chiuse e l’esiguità dei centri in tutta Italia ha come conseguenza liste d’attesa molto lunghe.

 

La scelta quasi obbligata della coppia è stata dunque quella di recarsi all’estero, presso il Centro FIV di Marbella, dove la presenza di una donatrice dedicata ha consentito ai coniugi di perseguire il loro obiettivo. La fecondazione eterologa è costata loro complessivamente 13mila euro.

 

Tuttavia, l’AslTO 5 ha rifiutato di coprire anche solo parzialmente questa spesa. L’Azienda sanitaria ha allegato la relazione del Centro di Riferimento Regionale per l’autorizzazione per cure all’estero del Sant’Anna, nella quale si adducono le motivazioni del diniego: in Italia è possibile fruire dell’eterologa fino a 43 anni e dunque la paziente “ha un sufficiente numero di anni per poter accedere alle prestazioni offerte da Ospedali italiani” che pratichino la fecondazione eterologa con donazione di ovociti; pertanto la prestazione sarebbe fruibile “in tempi sostenibili” per la richiedente.

 

L’Assessore ha aperto alle richieste del Capogruppo Grimaldi, dichiarando che da subito il Comitato Tecnico Scientifico per la PMA lavorerà per studiare le soluzioni messe in pratica da altri centri italiani (Toscana e Friuli) per l’approvvigionamento di gameti all’estero.

 

“Trovo inaccettabile la risposta data alla coppia: potete tranquillamente aspettare fino ai 43 anni, come se non fosse ovvio che per una donna, a maggior ragione se affetta da una patologia, con lo scorrere degli anni una gravidanza diventa sempre più difficile” – ha ribadito in aula il Segretario di Sinistra Italiana Grimaldi. – “Questa storia ha però almeno dato voce a chi attende da anni una risposta dalla Sanità e ha provocato una reazione positiva: il Piemonte comprerà ovociti dall’estero.

Come diciamo da tempo” – prosegue Grimaldi – “in assenza di un reale sostegno anche economico per le donatrici, non saremo mai nelle condizioni di garantire di fatto a una coppia di avere un figlio attraverso la fecondazione eterologa. Oggi si apre una nuova stagione, speriamo che presto si esca dall’ipocrisia e si arrivi anche a campagne di sensibilizzazione e supporto per le donatrici e i donatori in Italia”.