Home » TRIBUNA » GREENPEACE ORGANIZZA LA SECONDA EDIZIONE DI MAKE SOMETHING WEEK
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

GREENPEACE ORGANIZZA LA SECONDA EDIZIONE DI MAKE SOMETHING WEEK

di ilTorinese pubblicato domenica 25 novembre 2018

UNA SETTIMANA DI EVENTI IN TUTTO IL MONDO PER PROPORRE UN’ALTERNATIVA AL CONSUMISMO NATALIZIO

 

I volontari del gruppo locale di Greenpeace organizzeranno a Torino, domenica 2 dicembre, presso la Casa Dell’Ambiente, una giornata da passare [ri]scoprendo creatività, manualità, impegno per l’ambiente, cura per il prossimo… attraverso presentazioni e laboratori pratici, per tutti e tutte. L’ingresso sarà libero e gratuito, l’orario 10-19.In particolare, ci saranno laboratori di sartoria creativa per tutte le età, un tavolo-riparazioni per dispositivi elettronici, incontri con realtà che si occupano di cibo a livello sociale, una lezione di fitness “alternativa”… Fra i collaboratori: Cuci Chiara, Hyaena Design, Straset, Manùc Atelier, Food Not Bombs, PaneUrbano, Restarters Torino, Massimo Andriani.

 

Questa iniziativa si inserisce nell’ambito della seconda edizione di Make Something Week, una settimana di eventi-laboratorio gratuiti promossa da Greenpeace in tutto il mondo dal 23 novembre al 2 dicembre dove, guidati da creativi e professionisti del settore, i partecipanti impareranno a riparare, riciclare, riutilizzare e dare nuova vita ad oggetti inutilizzati e destinati ad essere gettati via, tramite il fai-da-te e l’autoproduzione. Quest’anno tantissimi gli eventi organizzati in tutta Italia, da Torino a Milano, Roma, Palermo… solo per citare alcune città.

 

Nell’ambito della Make Something Week rientra anche l’evento organizzato dal FabLab torinese che, per aderire all’iniziativa, ha organizzato per giovedì 29 novembre un workshop gratuito e aperto a tutti, presso la sua sede di via Egeo 16 a Torino.  Il protagonista dell’attività sarà uno degli alimenti che consumiamo con maggior frequenza nella vita quotidiana: il caffè. Si rifletterà sull’utilizzo sempre maggiore di macchine per l’espresso e in particolare delle capsule, rifiuti non differenziabili che produciamo in grande quantità senza riflettere sull’impatto che possono avere sull’ambiente. Con appositi strumenti stampati in 3D è possibile ovviare al problema, separando l’alluminio dalla plastica. I fondi di caffè così raccolti verranno “cucinati” insieme ad altri ingredienti naturali per produrre un impasto modellabile, che verrà trasformato in pezzi unici di vasellame 100% biodegradabile.

 

Make Something Week si propone di sfidare il modello irrazionale di consumo e superare la cultura dell’usa e getta in occasione del Black Friday e a ridosso delle festività natalizie e di fine anno, quando più che mai le persone sono spinte all’acquisto di oggetti che spesso restano inutilizzati o gettati via, producendo rifiuti e inquinamento. “Siamo stati indotti a pensare che la felicità provenga da ciò che compriamo, mentre sappiamo che la vera felicità viene da ciò che riusciamo a creare” dichiara Giorgia Monti, responsabile della Make Something Week in Italia. “Con questa settimana di eventi vogliamo far riscoprire alle persone la bellezza di creare insieme e dare nuova vita a quello che già abbiamo, superando lo shopping tradizionale.”

 

Grazie al lavoro dei tantissimi artisti coinvolti, quest’anno in Italia l’iniziativa lancia una sfida all’uso della plastica monouso, promuovendo tra le persone la condivisione di soluzioni e alternative creative all’uso irrazionale di quest’ultima.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE