Home » POLITICA » Governo: Sicilia batte Piemonte 5 a 2
Come si è arrivati a questo punto? Alchimie sempre più ristrette in stanze sempre più blindate del potere romano

Governo: Sicilia batte Piemonte 5 a 2

di ilTorinese pubblicato giovedì 14 giugno 2018
Sicilia batte Piemonte 5 a 2.Sono 45 le nuove nomine del governo. Vuol dire che la Sicilia è più virtuosa della nostra regione. Pazienza, ce ne faremo una ragione. Del resto non abbiamo alternative se non quelle d’ essere impotenti spettatori.Ammettiamolo: saputo che i 2 sono pentastellati, un brivido alla schiena.Ci aspettavamo esigui numeri, ma pensavamo che fossero dei leghisti. Sbagliavamo perché applicavamo categorie politiche vecchie, sintetizzabili in questi concetti: la Lega piemontese ha decisamente portato in dote a quella nazionale una buona percentuale di voti. A Torino i pentastellati hanno perso mentre, ad esempio, Alessandro Benvenuto ha stravinto. Risultato: Laura Castelli sottosegretario e gli altri leghisti fuori dal governo. Ci sono sempre le commissioni . La maggioranza gialloverde vuole decidere su tutto e su tutti. Concedendo qualcosa alla Meloni e all’inossidabile Berlusca.Comunque poca cosa. E la nostra regione ne va di mezzo contando poco o nulla. Ingrato destino per noi Piemontesi che all’unità d Italia “abbiamo dato il nostro contributo”. Ed il nostro sovranismo piemontese è mortificato dall’ affermazione della Sicilia. Non abbiamo capito – anche se lo avevamo supposto – un ulteriore ridimensionamento del peso politico specifico dei rappresentanti piemontesi. Come si è arrivati a questo punto? Alchimie sempre più ristrette in stanze sempre più blindate del potere romano. Nel merito, chi sono i sottosegretari piemontesi? Ecco, bella domanda.E la ripeto per darmi un tono: ma chi sono i sottosegretari piemontesi? Se fossero ai più conosciuti per ciò che hanno fatto sarebbe plausibile dare una risposta fondata. Su Crippa non ci aiuta la distanza da Torino ad Omegna. Esperto di problemi ambientali, bisogna probabilmente aspettare cosa farà il ministro dell’Ambiente. Siamo maggiormente preparati su Laura Castelli. Classe 1986, deve proprio essere brava e preparata se Giggino (Di Maio) l’ha scelta ancorché così giovane.  Era molto arrabbiata sostenendo che la lobby del mattone non l’aveva voluta. Ora delle due l’una . O si sbagliava prima, o una quadra l’hanno trovata tra i cosiddetti poteri forti ed i gialloverdi. Laura é sempre stata precoce .Già a scuola si faceva sentire. Un po’ zoppicante in ragioneria… che per un istituto di ragioneria non è da poco. Ma magari passando il tempo si è raffinata perfezionandosi. Ad oggi è passata alla storia per aver risposto alla Gruber di non avere un’ opinione sull’euro. Tanto bene, appunto, non cominciamo. Ovviamente si scherza quando si nota che il Lombardo – Veneto si è messo d’accordo con i Borboni. Ma qualcosa, cari torinesi, cari piemontesi abbiamo sbagliato. Non può essere solo colpa d’ altri.  Non può solo essere colpa di un destino cinico e baro di saragattiana memoria. È anche colpa delle scelte sbagliate fatte da una locale classe politica dirigente troppo nei confronti della  decadenza della Fiat. Non abbiamo più i servizi segreti inglesi fondamentali nella vittoria dei Mille in Sicilia. Ed ai nostri figli ” non possiamo dare da mangiare ” un glorioso passato remoto come prossimo. L’ unica possibilità che abbiamo è chiedere ai politici di turno, al di là del credo politico, di fare quadrato per gli interessi della nostra regione. Anche per questo continuiamo ad essere pessimisti.
Patrizio Tosetto
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE