Home » Dall Italia e dal Mondo » Gli irriducibili dell’Isis
i potenziali attentatori in Europa possono essere attivati a distanza attraverso la Rete

Gli irriducibili dell’Isis

di ilTorinese pubblicato sabato 29 dicembre 2018

FOCUS INTERNAZIONALE 

di Filippo Re

I curdi siriani abbattono anche l’ultima roccaforte dell’Isis rimasta in piedi ma la riconquista di Hajin, nella Siria orientale, non pone certo fine né agli scontri sul terreno nè all’ideologia jihadista. Le aree da pacificare sono ancora molte e l’Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede a Londra, fa sapere che sono oltre seicento le persone che hanno perso la vita nei bombardamenti a est del fiume Eufrate. Gli irriducibili del defunto “Stato islamico” hanno i giorni contati, sostiene Sean Ryan, portavoce della coalizione anti-Isis guidata dagli americani che appoggiano i curdi ma i combattimenti in quella regione non sono terminati. Ci sono ancora miliziani nascosti lungo l’Eufrate e verso il confine con l’Iraq dove trovano i militari iracheni pronti a cacciarli indietro. Nei giorni scorsi in Iraq è stato celebrato in pompa magna il primo anniversario della vittoria contro il terrorismo dello “Stato islamico” ma il governo di Baghdad ha subito ricordato che l’Isis non è stato sconfitto del tutto ma è stato cacciato dalle città più importanti. La ribellione jihadista resta infatti operativa nelle periferie e nelle province più lontane dalla capitale con alcune migliaia di miliziani, molti dei quali foreign fighters. Adel Abdel Mahdi, il premier iracheno, è costretto più volte a inviare rinforzi militari al confine con la Siria e in particolare nella provincia di Al Anbar per aiutare le truppe governative a respingere gli assalti delle milizie jihadiste. E la situazione non cambia nell’est della Siria, nel governatorato di Deir ez-Zoor, lungo l’Eufrate, dove le forze curde,

appoggiate da alleati arabi e dagli Stati Uniti, si sono riprese sul campo di battaglia dopo aver subito una serie di sconfitte di fronte alle poderose controffensive dei terroristi islamici. Ciò è stato possibile anche grazie alla cattura di Abu Zeid, ritenuto il numero due dell’Isis, il vice di Al Baghdadi. Anche per noi europei la minaccia del terrorismo islamico continua a far paura come la strage di Strasburgo ha dimostrato. I terroristi colpiscono e colpiranno ancora nei tanti modi in cui è possibile farlo. Quanti Cherif Chekatt (il killer di Strasburgo) circolano indisturbati nelle strade delle nostre città pronti a entrare in azione per uccidere e terrorizzare il nostro vivere quotidiano? Quanti islamici radicalizzati aspettano un segnale per spargere altro sangue? Non c’è più l’esercito del Califfato, distrutto militarmente, ma l’ideologia del terrore è sempre forte, dal deserto del Sahara all’Estremo Oriente asiatico. Dopo la sconfitta nel Levante gli estremisti islamici attaccano di nuovo il cuore dell’Europa affidandosi ai combattenti di ritorno dal Vicino Oriente, ai lupi solitari e a criminali radicalizzati che in carcere o in moschea dichiarano fedeltà alla causa del jihad. Come Mohsin Ibrahim Omar, il terrorista somalo affiliato all’Isis arrestato a Bari che voleva mettere bombe nelle chiese italiane iniziando da San Pietro. Secondo gli investigatori intendeva colpire in Italia durante le feste natalizie. Già in carcere per terrorismo internazionale aveva esaltato il martirio dopo l’attentato di Strasburgo ed era in contatto con cellule terroristiche operative. È la conferma dell’esistenza di una grande rete jihadista europea pronta ad attivarsi e a rispondere agli appelli di morte lanciati dai vari gruppi terroristici presenti nel Levante, nel Maghreb e nella regione del Sahel. Anche il giovane maghrebino Cherif che ha sparato all’impazzata tra la gente che guardava i mercatini natalizi a Strasburgo, ha gridato “Allah è grande” e avrebbe detto di aver ucciso per “vendicare i fratelli morti in Siria”. E di killer come Cherif, nella sola Francia, ce ne sarebbero molti. Secondo i servizi segreti i soggetti potenzialmente pericolosi sono almeno 20.000 e il loro numero continua a salire ed è

impossibile tenerli tutti sotto controllo. Gruppi collegati all’Isis, alcuni giorni prima dell’attentato terroristico a Strasburgo rivendicato dai seguaci di Al Baghdadi, hanno lanciato un appello ai “lupi solitari” a compiere attacchi durante il periodo di Natale evocando l’attentato del dicembre 2016 contro il mercatino di Berlino. Un appello accompagnato da un’immagine di Babbo Natale in tuta arancione, con accanto un boia jihadista, e la scritta “non uscite di casa perché abbiamo sete del vostro sangue”. Si invita a colpire americani, francesi e i loro alleati con qualsiasi cosa a disposizione: “Se non siete in grado di fare una bomba e non disponete di un’arma da fuoco usate coltelli, pietre, auto, camion o le mani nude”. Anche se quest’anno, rispetto ai due anni precedenti, gli attentati in Europa sono diminuiti drasticamente, il terrorismo jihadista può colpire da un momento all’altro. I “soldati del Califfato”, i combattenti di al Qaeda e gruppi affiliati continuano ad esistere e possono contare su una rete di fedelissimi e di migliaia di miliziani dall’Africa all’Asia e all’Europa. Strasburgo, il suo antico mercato natalizio e la sua imponente cattedrale gotica sono un vecchio obiettivo del terrorismo islamico in Europa. Già nel 2000 un gruppo di algerini qaedisti arrivò nella città francese con lo scopo di colpire i luoghi religiosi della città come la cattedrale e i simboli del Natale ma non la sede del Parlamento Europeo. Il ritorno di Al Qaeda sulla scena del terrorismo islamico preoccupa fortemente i governi africani e l’Europa. I qaedisti sono tornati a farsi sentire con toni minacciosi. Il capo di “al Qaeda nel Maghreb islamico”, l’emiro Abu Musad Abdel Wadoud, ha diffuso un video di propaganda in cui incita i francesi a rivoltarsi “contro il governo corrotto che opprime i musulmani”. A poco più di un anno dalla caduta di Raqqa, lo “Stato islamico” è ridotto a una piccola fascia di territorio lungo la riva orientale dell’Eufrate e la cittadina di Hajin, 35.000 abitanti, a sud-est di Deir ez-Zor, non lontano dal confine con l’Iraq, non è più l’ultimo bastione dell’Isis. I curdi, dopo sanguinosi scontri durati settimane, l’hanno ripresa con il sostegno degli americani. Ma l’Isis resta ugualmente pericolosa e i potenziali attentatori in Europa possono essere attivati a distanza attraverso la Rete. “Lupi solitari” e affiliati all’Isis sensibili alle sirene degli estremisti islamici non fanno altro che mettere in pratica i messaggi di violenza e di fondamentalismo religioso che i leader del Califfato annunciavano sul magazine on line “Rumiyah” il cui obiettivo era quello di reclutare criminali e attentatori per colpire in Occidente, come è accaduto a Parigi, Nizza, Bruxelles e negli Stati Uniti. Caduto il Califfato, resta in piedi l’ideologia jihadista e stragista. Il nome Rumiyah, cioè Roma, profetizza, secondo i “detti” del Profeta Maometto, la conquista di Roma e di Costantinopoli. Le esortazioni alla violenza contro gli infedeli e contro l’Occidente, l’invito ad attaccare i luoghi affollati e l’incitamento alla guerriglia urbana sono tradotti in realtà dai lupi solitari che si estremizzano in Europa.

 

dal settimanale “La Voce e il Tempo”

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE