Home » ECONOMIA E SOCIALE » Il Giubileo di Francesco nella diocesi di Torino: Porte Sante in Duomo e al Cottolengo
Sulla scia del pontefice domenica 13 dicembre mons. Cesare Nosiglia ha aperto la prima Porta Santa sotto la Mole

Il Giubileo di Francesco nella diocesi di Torino: Porte Sante in Duomo e al Cottolengo

di ilTorinese pubblicato mercoledì 16 dicembre 2015

duomo fioriduomo fiori 2papa reale2“Il passaggio della Porta Santa offre al pellegrino la speciale grazia dell’Indulgenza plenaria, alla condizione che il singolo fedele celebri il sacramento della Penitenza e dell’Eucaristia, reciti la professione di fede (il Credo), dica una preghiera secondo le intenzioni del Papa”

 

Sulla scia del pontefice domenica 13 dicembre  mons. Cesare Nosiglia ha aperto la prima Porta Santa sotto la Mole,  nella Cattedrale di Torino. Invece, domenica 20 dicembre la solenne celebrazione si sposta al Cottolengo, per l’apertura della seconda porta.

 

LE PAROLE DELL’ARCIVESCOVO DI TORINO

 

«Apriremo due porte Sante: Domenica 13 dicembre, nel pomeriggio alle ore 15,30 si è aperta a Torino in Cattedrale la Porta Santa del Giubileo, attraverso la quale, durante l’anno, passeranno tanti pellegrini ogni sabato pomeriggio (ragazzi e giovani cresimandi) e ogni domenica pomeriggio (le Unità pastorali, suddivise per distretto). Passata la Porta Santa si celebrerà in Cattedrale una Liturgia della Parola sulla misericordia e si avrà la possibilità di accedere al sacramento della Riconciliazione. Saranno anche promossi pellegrinaggi per disabili e malati, come per la Sindone. D’intesa con la Sovrintendenza si provvederà ad attrezzare la Cattedrale con un adeguato scivolo per permettere a tutti di passare la Porta Santa.

 

Ricordo che il passaggio della Porta Santa offre al pellegrino la speciale grazia dell’Indulgenza plenaria, alla condizione che il singolo fedele celebri il sacramento della Penitenza e dell’Eucaristia, reciti la professione di fede (il Credo), dica una preghiera secondo le intenzioni del Papa. Il Papa invita poi in modo speciale a riflettere sulle e compiere le opere di misericordia verso il prossimo. Tali opere sono corporali e spirituali. Le prime: dare da mangiare a chi ha fame; da bere a chi ha sete; vestire chi è nudo; accogliere gli stranieri e i senza tetto; visitare i malati; visitare i carcerati; seppellire i morti. Le seconde: consigliare i dubbiosi; insegnare agli ignoranti; ammonire i peccatori; consolare gli afflitti; perdonare le offese; sopportare pazientemente le persone moleste; pregare Dio per i vivi e per i morti.

 

L’indulgenza plenaria è applicabile come suffragio anche per i propri defunti.

 

Domenica 20 dicembre alle ore 12,30 si aprirà una seconda Porta Santa. Sarà quella in-terna della chiesa del Cottolengo, alla Piccola casa della Divina Provvidenza, dove ogni giorno più di 500 persone vanno alla mensa, centinaia al Centro di ascolto, molti disabili trovano acco-glienza nei vari gruppi diurni di ospitalità, oltre a tutti gli anziani che dimorano nelle diverse case di accoglienza. In esso ha sede anche il grande Ospedale e diverse realtà rivolte a minori e famiglie. Questa iniziativa al Cottolengo vuole sottolineare che una Porta Santa da passare per avere la salvezza, per il cristiano ma anche per ogni uomo e donna di buona volontà, è quella dei poveri: essi ci introducono alla vera vita in Gesù Cristo, ci fanno da guida verso il nostro Signore e ci comunicano il suo amore più grande.

Dopo quest’apertura seguirà alle 13 un momento conviviale con la partecipazione dei po-veri e delle personalità del nostro territorio in ambito istituzionale, economico e finanziario, cul-turale, sociale e del volontariato. Vogliamo che si attivi una conoscenza diretta e un incontro fraterno con i poveri, nell’ascoltarli e dialogare con loro allo stesso tavolo, per scoprire quanto grande sia la loro umanità e i valori di cui sono ricchi e possono offrire a tutti. Anche questo fa parte delle opere di misericordia che il Giubileo ci invita a compiere*.
 
Infine, il 9 aprile 2016 la Diocesi ha promosso un pellegrinaggio a Roma per ringraziare Papa Francesco della sua visita a Torino e celebrare l’Anno Santo in San Pietro, sulle tombe dei martiri. L’udienza col Papa è fissata per le ore 11. Seguirà il passaggio della Porta Santa della basilica vaticana, nella quale alle ore 15 celebreremo la Santa Messa. L’Opera diocesana pellegrinaggi ha promosso diversi itinerari per favorire quanti intendono partecipare. Le parrocchie possono essere il punto di riferimento più immediato per prenotarsi”.

 

(Foto: il Torinese)