Home » ECONOMIA E SOCIALE » Gioco d’azzardo: il parere dei torinesi
Le interviste ad un campione di 187 residenti adulti (18 anni e più) del Comune di Torino saranno effettuate indicativamente nel periodo settembre 2017 gennaio 2018

Gioco d’azzardo: il parere dei torinesi

di ilTorinese pubblicato giovedì 7 settembre 2017

Il fenomeno della ludopatia è cresciuto nel corso degli anni : per approfondire il tema sarà utile l’indagine nazionale, promossa dall’Istituto Superiore di Sanità, che prende il via in queste settimane e a cui il Comune di Torino  ha accordato il patrocinio. La nostra città è molto  attiva nelle iniziative per limitare l’orario di apertura delle sale gioco e ridurre il rischio di dipendenza patologica dalle slot, e di recente ha visto riconoscere dai giudici del Tar la legittimità dell’ordinanza adottata lo scorso autunno, respingendo il ricorso. 

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Area Monopoli – ha promosso il progetto “IL GIOCO D’AZZARDO IN ITALIA: RICERCA, FORMAZIONE E INFORMAZIONE” affidandone la realizzazione al Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità. A tale scopo il Centro sta conducendo uno studio per acquisire conoscenze sulla dimensione del gioco d’azzardo in Italia e stimare l’impatto di questo fenomeno sulla salute pubblica (www.iss.it/ofad).

Lo studio riguarderà un campione rappresentativo di 218 comuni italiani per la raccolta delle informazioni attraverso la realizzazione di interviste, presso un campione di 12.000 residenti maggiorenni su tutto il territorio nazionale.

Nell’ambito dello studio è stato selezionato anche il Comune di Torino che  ha fornito al Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, nel rispetto della normativa sulla privacy, D.Lgs n. 179 del 2016, i dati demografici per l’esclusivo uso di pubblica utilità, come è il caso della presente ricerca epidemiologica sul gioco d’azzardo.

Le interviste ad un campione di 187 residenti adulti (18 anni e più) del Comune di Torino saranno effettuate indicativamente nel periodo settembre 2017  gennaio 2018, mentre il termine della ricerca, con la predisposizione del rapporto conclusivo dello studio, è previsto per il mese di marzo 2018.

I cittadini selezionati per l’intervista, riceveranno una lettera di invito a partecipare al progetto, con sufficiente anticipo in modo da poter realizzare l’intervista al proprio domicilio da parte di personale accreditato e specificamente formato; al fine di una maggior tutela dei cittadini coinvolti nello studio, il nominativo dell’operatore deputato alla rilevazione verrà comunicato al Comando di Polizia Municipale del Comune. 

Per la partecipazione all’iniziativa, all’amministrazione comunale non è stata richiesta né concessione di contributi né di altri benefici economici, ma solo la possibilità di utilizzare lo stemma Comunale nelle lettere che saranno inviate alle famiglie e sul cartellino che identificherà i rilevatori.

 

www.comune.torino.it

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE