Home » POLITICA » GIANNA GANCIA (LEGA): «GLI IMMOBILI NON SONO IL BANCOMAT DELLO STATO»
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

GIANNA GANCIA (LEGA): «GLI IMMOBILI NON SONO IL BANCOMAT DELLO STATO»

di ilTorinese pubblicato giovedì 9 marzo 2017

Ordine del giorno della presidente leghista in Consiglio regionale, perchè il Piemonte pretenda dal Governo la detassazione degli immobili: «In sei anni, il carico fiscale sulla proprietà immobiliare è passato da 9 a 25 miliardi di euro, a cui si aggiungono 20 miliardi di imposta reddituale» 

 

Il Piemonte si faccia carico di pretendere dal Governo la detassazione degli immobili.E’ quanto chiede la presidente leghista in Consiglio regionale, Gianna Gancia, che ha depositato un ordine del giorno affinché si arrivi “non solo ad escludere ogni ulteriore inasprimento dell’imposizione fiscale sugli immobili, ma anche a una progressiva detassazione, che comprenda l’eliminazione della quota Irpef per tutti gli immobili che non producono reddito”.

«Dal 2011 a oggi – osserva Gianna Gancia – il carico fiscale di natura patrimoniale che grava sulla proprietà immobiliare è passato da 9 a 25 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti 20 miliardi di euro di imposta reddituale. La Tasi, in aggiunta all’Imu, ha determinato un aumento esponenziale della pressione fiscale, che diventa insostenibile nel caso in cui una proprietà non produca reddito».

Da qui, l’accorata istanza alla Regione perché intervenga “a garanzia di una fiscalità equa”.RICEVIAMO

«Gli immobili – argomenta la presidente leghista -, non sono il bancomat dello Stato. Oggi il numero di abitazioni vuote in Italia, secondo i dati diffusi dall’Ansa nel 2016, ammonta a più di 7 milioni di unità (il 22,5% del totale), con 525.699 immobili disabitati nel solo Piemonte pari al 21,46% del patrimonio immobiliare regionale complessivo. E la perdita di fiducia nel mattone come forma di investimento (la produzione edilizia, secondo i dati Istat di luglio 2016, è in calo dell’1,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), testimonia il perdurare della crisi nel settore dell’edilizia, da sempre considerato un volano per l’economia, in virtù anche delle ricadute occupazionali sull’indotto. In questa situazione, il minimo che lo Stato possa fare è rivedere la tassazione degli immobili a beneficio di chi ne è legittimamente proprietario».

L’iniziativa di Gianna Gancia mira, in particolare, a introdurre ulteriori provvedimenti di compensazione fiscale a ristoro delle perdite subite dai locatori privati, in termini di pagamento di oneri di esclusiva pertinenza del conduttore (come ad esempio riscaldamento, luce, acqua e altre spese condominiali), e a prevedere agevolazioni fiscali per gli interventi di manutenzione sugli immobili collabenti, vale a dire caratterizzati da gravi carenze manutentive per l’impossibilità dei proprietari di farvi fronte, anche a causa dell’eccessiva fiscalità gravante sugli stessi e pur in assenza di reddito da locazione.

«Viviamo il paradosso – rileva Gianna Gancia – che gli immobili disabitati non solo sono tassati, ma corrono il rischio di essere requisiti per soddisfare la domanda dei cittadini in emergenza abitativa e degli immigrati, come nelle intenzioni del Comune di Livorno, alla faccia della tutela del diritto di proprietà».

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE