Home » TRIBUNA » GIACHINO: “CREDO DI PIÙ A SQUINZI E AGLI ARTIGIANI CHE A FASSINO”
a margine dell'assemblea degli industriali

GIACHINO: “CREDO DI PIÙ A SQUINZI E AGLI ARTIGIANI CHE A FASSINO”

di ilTorinese pubblicato domenica 13 settembre 2015

squinzi

Noi arriviamo per ultimi scoprendo che, come ha ammesso Chiamparino, invece di copiare Barcellona Torino avrebbe dovuto copiare Lione proprio come proponevano gli industriali torinesi nel 1981

 

L’Assemblea degli industriali torinesi è importante per fare il punto non tanto sui dati congiunturali quanto per capire le intenzioni degli imprenditori e i loro progetti. Rispetto a Fassino che gestendo una Amministrazione sempre più stanca e in ritardo piace l’idea di cavalcare la ripresa delle esportazioni noi rispondiamo che ci fidiamo di più sia del Presidente di Confindustria Squinzi il quale dichiara che è arrischiato parlare di ripresa, così come il Segr. Gen. di Cna Provenzano il quale dice che è presto per festeggiare.E gli industriali cui ero seduto vicino non mi sembravano euforici.La crescita italiana è sempre la metà della crescita della media europea. Grazie agli industriali torinesi si parla nel 2015 di “RESHORING” cioè delle politiche per incentivare il ritorno della manifattura, senza della quale solo con le esportazioni, la cultura è il turismo da oltre 10 anni Torino cresce meno della media nazionale come sostengo da anni.Non a caso qui abbiamo la più alta CIG e la più alta disoccupazione giovanile.Ma gli USA sul RESHORING hanno iniziato a puntare nel 2009, la Francia dal 2013. Noi arriviamo per ultimi scoprendo che, come ha ammesso Chiamparino, invece di copiare Barcellona Torino avrebbe dovuto copiare Lione proprio come proponevano gli industriali torinesi nel 1981.Ma per puntare sul modello Lione occorre avere la Tav.Per puntare sulla logistica come noi di Forza Italia proponiamo a Torino dal 2005 occorre avere anche il Terzo Valico e un Piano della logistica che crei le condizioni affinché la logistica cresca mentre come è noto la TNT logistica se ne è andata via dal torinese senza che le Giunte di sinistra facessero nulla.Ieri è stata messa in liquidazione la Società cargo dell’aeroporto torinese e la Giunta comunale non ha ancora definito il tracciato della linea 2 della Metropolitana.Gli industriali torinesi cercano di trainare Amministrazioni locali in ritardo.Cambiare verso a Torino si deve.

 

Mino Giachino

Responsabile nazionale trasporti Forza Italia