Home » prima pagina » Genova, dalla Regione Piemonte centrale remota soccorsi
Al fine di coordinare per conto del Dipartimento di Protezione civile di Roma l’allerta e l’attivazione di qualsiasi tipo di soccorso sanitario richiesto dalla regione colpita

Genova, dalla Regione Piemonte centrale remota soccorsi

di ilTorinese pubblicato martedì 14 agosto 2018

La Regione Piemonte si mobilita per aiutare Genova. Subito dopo il crollo del viadotto sull’autostrada A10  ha aperto la Centrale remota per l’organizzazione dei soccorsi sanitari (Cross). Il compito della centrale, una delle due esistenti in Italia insieme alla centrale di Pistoia, gestita dal 118 di Torino,  è quello di coordinare per conto del Dipartimento di Protezione civile di Roma l’allerta e l’attivazione di qualsiasi tipo di soccorso sanitario richiesto dalla regione colpita. “In questo caso la centrale contatta tutti i referenti sanitari e i gruppi di intervento delle varie regioni, – spiega la Regione Piemonte attraverso una nota – partendo da quelle più vicine, per accertare in tempo reale la disponibilità dei moduli sanitari, dei mezzi di soccorso, degli elicotteri e dei posti letto nei reparti di terapia intensiva dei principali ospedali. Ricevuti i dati, li trasmette al Dipartimento di Protezione civile di Roma e al responsabile sanitario regionale della regione interessata”. La centrale è in funzione già dalle ore 13. Non sono pervenute fino ad ora richieste specifiche di implementazione dei soccorsi da parte della Regione Liguria. La centrale resta in ogni caso aperta e operativa.

(foto archivio il Torinese)

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE