Home » prima pagina » Il tempo è galantuomo e (dopo quasi vent’anni) la giustizia riconosce la buona fede di “Cip & Ciop”
LETTURA PARALLELA TRA IL CASO VIGLIETTA DEL 1997 E LA VICENDA DELLE SPESE PAZZE IN REGIONE

Il tempo è galantuomo e (dopo quasi vent’anni) la giustizia riconosce la buona fede di “Cip & Ciop”

di ilTorinese pubblicato sabato 17 gennaio 2015

CIP CIOP

IL GHINOTTO DELLA DOMENICA

Perché si torna a parlare di Cip e Ciop? Perché stanno diventando un caso internazionale, in quanto Unione Europea, Francia e Svizzera intimano all’Italia di fermarne la proliferazione, prima che loro facciano scomparire l’autoctono rosso. E gli esperti osservano sconsolati che la battaglia è ormai perduta… perché diciotto anni fa qualche spirito di patata non trovò di meglio che fare dell’ironia e schierarsi a difesa degli “innocenti” animaletti, pur di dare in testa ai berlusconiani

 

“Fermate lo scoiattolo grigio” è il titolo di un articolo di alcuni giorni fa su La Stampa nazionale, un titolo che ha risvegliato nella memoria di Ghinotto antichi ricordi. Correva infatti l’anno 1997, e l’allora Giunta Ghigo si districava, con non poca fatica, tra i problemi del Piemonte e i lacci e i laccioli di un’opposizione arrabbiata per la inedita vittoria dei berluscones a metà 1995. L’assessore alla Caccia, Matteo Viglietta, aderendo a un progetto presentato dall’Università di Torino e sostenuto, perfino con veemenza, dalla buonanima del prof. Currado – che aveva fatto di questa battaglia quasi una ragione di vita – decise di far acquistare delle gabbie per la cattura sperimentale degli scoiattoli americani.

 

Questi graziosi animaletti, infatti, si stavano diffondendo come la peste nel parco della Mandria e a Racconigi, essendo stati inopinatamente introdotti da qualche sconsiderato, e minacciavano l’esistenza dell’indigeno scoiattolo rosso, più piccolo e meno prolifico del grigio. Quale fu il torto di Viglietta, affermato imprenditore di ferramenta? Di essere l’unico importatore in Italia di tali gabbie, costruite in Francia, e da lui vendute sul territorio nazionale. Ci pensò il puntuto consigliere dei Verdi, Pasquale Cavaliere – anni dopo tragicamente scomparso in Argentina – a far scoppiare il caso. In realtà l’assessore aveva solamente commesso l’ingenuità di non assentarsi dalla Giunta durante la decisione, ma tanto bastò per impalcare uno “scandalo” in cui inzupparono il pane gli indignati a senso unico.

 

Specie ai redattori di quei giornali che hanno per contratto l’astio antiberlusconiamo non parve vero di cavalcare l’onda del “caso Cip e Ciop”, come fu ribattezzato con arguzia degna di miglior causa. In breve, l’assessore fu travolto e costretto a dare le dimissioni per quelli che in gergo giudiziario sono chiamati “fatti bagatellari”, ma il suo scalpo era utile alla propaganda anti Giunta Ghigo, che poi visse in effetti altri casi gonfiati ad arte e a scopo politico.

 

Ma perché ora si torna a parlare di Cip e Ciop? Perché stanno diventando un caso internazionale, in quanto Unione Europea, Francia e Svizzera intimano all’Italia di fermarne la proliferazione, insomma di sterminarli prima che loro facciano scomparire l’autoctono rosso. E gli esperti osservano sconsolati che la battaglia è ormai perduta… perché diciotto anni fa qualche spirito di patata non trovò di meglio che fare dell’ironia e schierarsi a difesa degli “innocenti” animaletti, pur di dare in testa ai berlusconiani.

 

Meno male che questo è un paese che impara le lezioni, che oggi abbiamo una magistratura e un sistema dell’informazione molto, ma molto più avanzato, che non scambia lucciole per lanterne. Avete dei dubbi? Guardate com’è finita la questione Rimborsopoli, in cui una decina di esponenti del centrosinistra (e un paio del centrodestra) sono stati prosciolti dalle accuse perché si è giustamente dimostrata la loro buona fede e non consapevolezza di commettere un reato. La stessa buona fede che non fu mai riconosciuta a Viglietta, oggi diventa una panacea per gli ingiustamente accusati, che escono dal processo pienamente riabilitati. E pazienza che solo qualche mese fa non si è visto lo stesso trattamento nei confronti di casi analoghi (prevalentemente di centrodestra). Si vede che la maturazione verso una nuova civiltà giuridica non era ancora completa, ma in pochissime settimane sono stati fatti passi avanti da gigante.

 

Ghinotto